feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Brescia: metropolitana e non solo

Brescia: metropolitana e non solo

Intervista a Federico Manzoni, assessore alla Mobilità del Comune di Brescia

Settembre è, ormai da qualche anno, sinonimo di mobilità sostenibile. Dal 16 al 22 infatti ricorre la Settimana europea della Mobilità, un’iniziativa che dal 2002 invita tutte le realtà locali a farsi promotrici della cultura della mobilità sostenibile tra i propri cittadini. In Italia, a coordinare su scala nazionale le diverse proposte è il Ministero dell’Ambiente che anche quest’anno annovera tra i comuni aderenti la città di Brescia. Abbiamo fatto alcune domande a Federico Manzoni, assessore alla Mobilità di Brescia.

Qual è il programma per la settimana della mobilità cittadina?

«La settimana della mobilità sostenibile a Brescia è innanzitutto un importante lavoro di rete e di condivisione che ci permette ogni anno di strutturare una programmazione consistente ben distribuita sulle sette giornate. Tra i soggetti coinvolti, per citarne alcuni, oltre ovviamente al Gruppo Brescia Mobilità, ci sono Legambiente, gli Amici della bici – Fiab Brescia, AmbienteParco, alcuni gruppi teatrali bresciani, le due università cittadine, ma anche realtà imprenditoriali dotate di mobility manager come Iveco e Poliambulanza. Replica anche la collaborazione con la compagnia teatrale bergamasca Luna e Gnac che porterà in scena “Gino Bartali. Eroe silenzioso” (domenica 17, ore 21.00 Oratorio di Fiumicello - ingresso gratuito, ndr)»

In programma diversi appuntamenti...

«Abbiamo voluto che il calendario desse spazio a:

- momenti di riflessione: in programma tre importanti seminari di approfondimento in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri, la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia e il Gruppo Brescia Mobilità;

- occasioni di sensibilizzazione alla mobilità sostenibile, come la domenica ecologica con biglietto unico per tutti i mezzi pubblici per l’intera giornata del 17 e blocco del traffico nel centro storico (ore 9-18); l’iniziativa sharing to work per i dipendenti della Poliambulanza (per tutta la giornata del 20), e ancora il “Trofeo tartaruga” in collaborazione con Legambiente alla scoperta del mezzo più veloce per muoversi in città: tra bici e metro è sempre una bella sfida!

- appuntamenti culturali, come la mostra “Binarinfiniti 2017” che verrà inaugurata al Mo.Ca. (palazzo dell’ex tribunale) sabato 17 alle 11.30 e che resterà visitabile durante tutta la settimana».

Approfittiamo dell’occasione per qualche aggiornamento sulla mobilità a Brescia: quali punti di forza e quali le criticità?

«Punto di forza del sistema dei trasporti a Brescia è sicuramente il grado di infrastrutturazione della nostra città, che annovera sia metropolitana sia alta velocità, come solo altri quattro centri urbani in tutta Italia, caratteristica che ha fatto registrare un incremento nell’utilizzo del trasporto pubblico. Quanto alle criticità, la nostra provincia è parecchio popolosa e sta conoscendo un trend demografico positivo che alimenta importanti flussi in ingresso in città dove hanno sede un importante polo economico (Brescia Due), gli ospedali, scuole e università, servizi vari.

Le persone raggiungono ancora la città con le proprie auto congestionandola nelle ore di punta e inquinandola. La sfida è di sviluppare a livello provinciale una rete di servizio metropolitano e ferroviario qualitativamente migliore e più performante in grado di far fronte a una domanda in crescita».

A proposito di metropolitana, un bilancio sul servizio che a marzo 2017 ha compiuto 4 anni

«Il trend di utilizzo è decisamente positivo: il bilancio 2016 ha evidenziato 17 milioni di passeggeri trasportati in un anno a fronte dei 16 milioni del 2015 e dei 15 milioni del 2014. Un risultato che la dice lunga anche sul successo dell’operazione di integrazione del servizio con la rete dei bus del trasporto urbano: abbonamenti e percorsi integrati rendono il servizio efficiente. Il grosso salto di qualità deve essere ancora fatto nell’integrazione con il servizio di trasporto pubblico extraurbano».

Dalle stazioni della metropolitana a quelle del bike sharing, o meglio, di Bicimia: quali gli obiettivi raggiunti e le prospettive di ampliamento della rete?

«Nel 2013, all’inizio del nostro mandato, Bicimia contava 10 mila abbonati. Oggi sono più di 20 mila. Le fruizioni giornaliere medie si aggirano attorno ai 2-3 mila accessi. La rete conta 73 postazioni distribuite su tutto il territorio cittadino. Altre 3 di prossima attivazione di cui due nel centro storico (Corso Martiri della Libertà e nei pressi del Cinema Nuovo Eden) e una nel quartiere della Pendolina, in Via Collebeato. Con altri interventi in previsione dovremmo raggiungere un’ottantina di postazioni a fine del nostro mandato, la prossima primavera. L’obiettivo è che il servizio interessi in modo capillare anche i quartieri periferici».

E in tema di piste ciclabili?

«Oltre alle piste che integrano operazioni di trasformazione urbanistica già in essere o in programma su tratti stradali, come per esempio in Via Valle Camonica (con piste realizzate sui due lati), un intervento di sistema interesserà l’asse ovest-est coinvolgendo l’area dell’oltre Mella, Via Volturno, fino al ring lato ovest e poi lato sud fino a Piazzale Arnaldo, a inizio 2018.

Un investimento totale di 2 milioni e 300 mila euro di cui 1 milione e mezzo finanziato grazie alla vincita di un bando di Regione Lombardia che aveva messo a disposizione delle pubbliche amministrazioni parte dei finanziamenti FESR (20 milioni di euro) per interventi sulla mobilità ciclistica. Si tratterà di uno degli investimenti più significativi in termini di ciclabilità degli ultimi 10 anni sul territorio cittadino».

A.G.

Settembre 2017

Articoli Correlati

Sette anni in sette giorni
Novembre 2017, bene. Ci guardiamo indietro e… sette anni, sono passati già sette anni e...
Abbigliamento sostenibile. Vestirsi per filo e per sogno
A Paladina la fiera del tessile biologico, ecologico e solidale Domenica 22 ottobre...
Autunno, tempo di castagne
Sul lago di Como un “maxi castagneto” da 220 ettari L’autunno è arrivato e insieme all’...
Il grande sentiero
Montagna, viaggi, avventure e ambiente nella rassegna cinematografica di Lab80 Nona...