feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Al Galletto d'Oro una pizza napoletana d'autore

Al Galletto d'Oro una pizza napoletana d'autore

Situata a Curno, la pizzeria unisce tradizione partenopea e bergamasca in un mix di sapori unici. Il trucco? Esperienza, passione e autenticità

«Fatte na pizza c'a pummarola 'ncoppa, vedrai che il mondo ti sorriderà», cantava Pino Daniele, interpretando alla perfezione il sentimento tutto italiano rispetto al piatto tipico della nostra tradizione: la pizza. Ingredienti freschissimi, ottima lievitazione e cottura a legna sono il trucco perché la pizza non sia soltanto un alimento ma diventi una vera e propria esperienza. Lo sanno bene alla pizzeria “Al Galletto d'Oro” di Curno (BG), che ha fatto della tipica pizza napoletana e della valorizzazione della tradizione pizzaiola partenopea in chiave contemporanea i suoi punti di forza.

Tradizione e innovazione all'insegna della bontà

È una pizza d'autore, quella del Galletto d'Oro, e non potrebbe che essere così vista la lunga tradizione pizzaiola di cui il locale può vantarsi: aperto vicino a Bergamo nel 1987 da Luigi Iorio Esposito, napoletano doc nonché campione italiano ed europeo della pizza, a tenere oggi le redini del Galletto d'Oro è Sergio Nazzaro, già pizzaiolo insieme a Luigi, insieme alla cugina Katia Iorio Esposito, caposala e figlia del capostipite del Galletto d'Oro.

Buon sangue non mente, insomma, o forse in questo caso è meglio dire buona pizza non mente, visto che il titolare Sergio Nazzaro ha proseguito sulla scia della tradizione familiare e l'ha potenziata: accanto alle proposte tradizionali, infatti, è oggi possibile trovare in menù pizze vegane oppure apertamente ispirate al territorio bergamasco, come la “Pizza Atalanta” o quella dedicata a Santa Lucia... O addirittura le pizze ispirate a Gaetano Donizetti, inventate su richiesta del Comune di Bergamo e Ascom per onorare il compositore bergamasco: così sono nate la “Lucia di Lammermoor” - con salsa di funghi al tartufo, taleggio, branzi pomodorini, grana e basilico – e la “Elisir d'Amore” con pomodorini e alici fresche.

Pizze da premio

Le pizze del Galletto d'Oro parlano il linguaggio dell'autenticità: qui la pizza è fatta con cuore ed esperienza più che con numeri e bilancia, e il risultato è una pizza genuina e unica.
E, soprattutto, nasce dalla valorizzazione dei giusti tempi di lievitazione (48 ore), dall'accurata selezione degli ingredienti (direttamente dai produttori locali) e dalla cottura perfetta (nel forno a legna, a non meno di 400-450°). Sono state proprio queste caratteristiche a valere a Sergio Nazzaro e allo staff del Galletto d'Oro il diploma di merito assegnato lo scorso ottobre dall'associazione Mestieri d'Autore.

Il presidente Ivar Foglieni (per anni presidente dell'Associazione Cuochi Bergamo e dell'Unione Cuochi Lombardia) e la segretaria Alessandra Organista hanno consegnato il diploma per premiare l'impegno di Sergio Nazzaro e Katia Iorio Esposito nel mantenere viva e continuare l'opera del loro capostipite. Sempre all'insegna dell'ottima pizza.

Il Galletto d'Oro si è trasferito nel 2014 a Curno (BG), presso il Centro Zebra.

La pizzeria è aperta tutti i giorni tranne sabato e domenica a pranzo e si può prenotare telefonando al numero 035-615141 oppure scrivendo una mail a algallettodoro@libero.it 

 
Didascalia foto:
Da sinistra: Alessandra, Sergio Nazzaro, Katia Iorio Esposito, Ivar Foglieni
Dicembre 2018

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
E ora coraggio e lungimiranza. Sindaci e assessori: niente più alibi
Dopo le elezioni europee e amministrative, avviate i cinque anni del vostro mandato con...
Il Festival della Sostenibilità e dell'Ambiente sbarca a Lecco
Dal 13 al 15 settembre nel cuore della città lariana alla scoperta delle potenzialità del...
Overshoot Day
Il vecchio Continente di fronte alle nuove sfide ambientali tra stati di emergenza e...