feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Albicocca

Albicocca

Precoce e longeva

Fu portata nel Mediterraneo dagli Arabi nel I sec. d.C., ma deve le sue origini alla Cina; tant’è che ogni anno, ad aprile, la valle di Yili nella provincia dello Xinjiang, al confine con il Kazakistan, si tinge di un bellissimo e delicato manto rosa. Stiamo parlando dell’albicocca, frutto che vediamo sulle nostre tavole già dai primi di maggio fino alla fine di luglio. È un frutto piuttosto versatile, lo consumiamo fresco, ma anche essiccato e sciroppato. È inoltre utilizzato per la produzione di prodotti dolciari industriali come per esempio la gelatina di albicocca, molto utilizzata in pasticceria, o la marmellata.

L’albicocca contiene vitamina B, C, PP, ma soprattutto carotenoidi e vitamina A. Due etti di albicocche fresche forniscono il 100% del fabbisogno giornaliero di vitamina A di un adulto e sono quindi indicate per proteggere la pelle e la vista.

In Italia ne sono presenti differenti varietà e una di esse, l’albicocca di Galatone, piccolo centro della provincia di Lecce, è protetta dal presidio Slow Food. Ciò che la rende così speciale sono il suo gusto, dolcissimo, e la sua dimensione, simile a quella di una noce e la longevità della pianta; esiste un esemplare, proprio a Galatone, di quasi 80 anni che tuttora regala frutti!

Una leggenda attribuisce l’origine di questa varietà di albicocca ai Templari – presenti in epoca medioevale in particolare a Lecce e Otranto – che la introdussero in questa zona di ritorno dai loro viaggi in Oriente. 

 
La ricetta > Cheesecake alle albicocche

Ingredienti

• 10 albicocche

• 200 gr di robiola

• 50 gr di yogurt

• 70 gr di zucchero semolato

• Scorza di limone grattugiata

• Vaniglia in bacche

• 2 gr di colla di pesce in fogli

Per il crumble alle nocciole

• 80 gr di burro

• 50 gr di zucchero di canna

• 80 gr di farina

• ½ tuorlo

• 2 cucchiai di granella di nocciole

Preparazione

Per il crumble impastare gli ingredienti, formare una palla, avvolgerla con pellicola e lasciar riposare in frigorifero; poi sbriciolarlo su di una placca e cuocerlo in forno per 15 minuti a 150°. Tagliare a pezzetti le albicocche e cuocerle con 20 gr di zucchero. Ammorbidire la gelatina in acqua fredda, asciugarla, strizzarla e scioglierla in 3 cucchiai di yogurt scaldato in un pentolino. Mescolare il formaggio con il restante yogurt, 50 gr di zucchero, le bacche di vaniglia e la scorza di limone grattugiata. Aggiungere poi la gelatina. Sistemare in ogni bicchiere un paio di cucchiai di albicocche semi-cotte e la crema. Posizionare i bicchieri in frigorifero per circa un’ora. Al momento di servire, sbriciolare sulla superficie il crumble croccante. 

Maggio 2018

Articoli Correlati

Non solo un atto agricolo
Se mangiare (consapevole) significa futuro “Il mangiatore industriale non sa che mangiare...
Castagne
Il cereale che cresce sull'albero La castagna, frutto del castagno, viene definita “il...
Cavolo cappuccio
Poche calorie, zero grassi, tanto gusto Il cavolo cappuccio viene definito una pianta...
Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...