feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Ambiente, Gusto e Solidarietà

Convegno Romano 2016

A Romano esperti a confronto su consumi responsabili

Si è tenuto nel weekend del 10 e 11 settembre, a Romano di Lombardia, la manifestazione ViviRomano SOStenibilmente che quest’anno si è concentrata sul tema della sostenibilità e della solidarietà.

Accanto alle attività economiche e commerciali della città, sono stati allestiti alcuni stand informativi e promozionali relativi al mondo del vivere sostenibile e delle scelte d’acquisto consapevoli e responsabili, tema trattato da alcuni esperti intervenuti in un dibattito pubblico, introdotto dall’assessore al commercio di Romano di Lombardia, Marco Seghezzi, e moderato dal direttore di infoSOStenibile Diego Moratti che ha presentato la questione di fondo: “Lo scorso 8 agosto è stato l’Earth Overshoot Day, che segna la data di sovrasfruttamento della Terra, in cui l’umanità sta consumando molto più delle risorse che il nostro pianeta è in grado di rigenerare in un anno. E’ come se stessimo costruendo i muri di una casa prendendo i mattoni direttamente dalle sue fondamenta”.

Siamo ancora in tempo ad interrompere questo processo?

Nonostante le perplessità, gli interventi dei relatori sembrano mandare un messaggio di speranza: insieme si può, ma c’è ancora tanto da fare.

Secondo l’assessore Seghezzi questa prima edizione di ViviRomano SOStenibilmente può rappresentare l’inizio di un percorso per dare una risposta a queste problematiche partendo dal basso, dai territori e dalle azioni quotidiane.

L’amministrazione comunale si sta impegnando nella ricerca di soluzioni innovative mediante progetti che coinvolgono gli attori principali della città: le scuole, i commercianti, le attività produttive, le associazioni e la cittadinanza, partendo dall’idea che la diffusione della sostenibilità si concretizzi soprattutto nella creazione di reti territoriali e nelle prassi quotidiane del cittadino che deve però riconoscersi in un progetto identificativo della comunità.

Di questo ne è convinta anche Francesca Forno, docente di sociologia dei consumi all’Università di Bergamo, le cui ricerche accademiche evidenziano come un semplice gesto, quello di fare la spesa, incida fortemente sull’economia e sui processi produttivi.

In tempo di crisi il consumatore mostra maggiore attenzione verso i prodotti a basso costo, senza indagare troppo le ragioni di prezzi tanto ridotti.

Ma ragionare esclusivamente in termini di qualità-prezzo è un approccio poco efficace a lungo termine, in quanto trascura l’importante fattore della qualità etica del consumo, sostiene la ricercatrice.

Quello che per il consumatore è un vantaggio economico molto spesso rappresenta un danno per il produttore o per l’ambiente, con conseguenze anche sulla qualità dei prodotti e sulla nostra salute.

Queste dinamiche ricadono sul benessere della nostra stessa comunità poiché “Se le nostre aziende agricole producono e vendono, allora riescono a rimanere sui nostri territori generando lavoro, sviluppo e relazioni sociali”.

Il consumo critico è la caratteristica di fondo dei Gas: “Il GAStone di Romano di Lombardia, gruppo di acquisto solidale costituito da circa trenta famiglie, ha l’obiettivo di acquistare prodotti locali (dove possibile) di qualità, buoni per il consumatore, per l’ambiente e per chi li produce”.

Chiara Bettinelli, rappresentante di questo gruppo nato nel 2009, spiega come i prodotti selezionati, soprattutto se a filiera corta, abbiano prezzi competitivi in quanto acquistati in un rapporto diretto e di fiducia con il produttore, con l’ulteriore vantaggio di conoscerne l’effettiva provenienza e modalità di produzione.

Infine è stato presentato un progetto che riguarda l’agricoltura sociale: Bruno Pelliccioli, vice presidente della cooperativa Areté ha aggiornato sul percorso di costituzione del biodistretto sociale bergamasco, un distretto che coinvolge cooperative e aziende del territorio provinciale.

Questo progetto prevede il coordinamento di quelle realtà che si occupano di produzioni agricole e biologiche e dell’inclusione sociale di persone di categorie svantaggiate, cercando di promuovere e sviluppare l’attività delle aziende del distretto in modo congiunto e pertanto più efficace.

Ciascuno di questi esempi e d queste esperienze dimostra quanto sia reale e a portata di tutti la possibilità di agire nel quotidiano e invertire la rotta di un’economia che consuma sempre più risorse del pianeta, ma soprattutto rappresenta un importante punto di partenza nel percorso di una comunità che intende posare i primi mattoni per costruire un futuro più sostenibile, a cominciare da fondamenta solide.

Sheela Pulito

Ottobre 2016

Articoli Correlati

Nell'attuale contesto in cui il cambiamento climatico assume una crescente e incombente...
Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
Come prepararci ad affrontare la stagione fredda Se ci sono delle certezze nel periodo...
Dalle leggende ancestrali alla nostra tavola, conosciamo le mandorle attraverso la storia...