feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Avenue Verte: 470 km da Parigi a Londra in bicicletta

Avenue Verte: 470 km da Parigi a Londra in bicicletta

Una fitta rete di ciclovie immerse nella natura collega Francia e Gran Bretagna

Partire da Parigi e arrivare a Londra in bicicletta: una sfida impossibile? Non dal 2012, quando le Olimpiadi in programma nella capitale britannica hanno fornito l’occasione ideale per inaugurare un importante progetto di mobilità sostenibile: l’Avenue Verte.

Conosciuta anche con il nome di Greenway, si tratta di una ciclovia che permette agli appassionati del mondo delle due ruote di raggiungere la città situata lungo le sponde del Tamigi partendo dal suo alter ego francese (viaggio che può essere affrontato anche nel senso opposto) attraverso una fitta rete di ciclabili, sentieri e strade secondarie della lunghezza totale di 470 chilometri. Un percorso che coniuga alla perfezione la possibilità di poter viaggiare tra due delle più affascinati realtà europee, scoprendo territori ricchi di cultura e di caratteristici paesaggi naturali.

Parigi-Dieppe

Parigi non è certo una città che ha bisogno di presentazioni: il principale centro artistico del ‘900 oggi sta provando a rivoluzionare se stessa anche grazie a una politica che privilegia la micromobilità e gli spostamenti sostenibili.

Dalle rive della Senna, la ciclovia si addentra nelle caratteristiche regioni francesi della Val D’Oise e della Saine-Maritime conducendo dritta fino al mare. Una volta che ci si lascia alle spalle la città e i suoi sobborghi, il percorso si snoda nelle campagne lungo due diverse direttrici: la soluzione più corta utilizza per un tratto le ciclabili lungo il corso della Senna per poi dirigersi verso Gisors; la più lunga costeggia invece l’Oise fino a Pont Saint-Maxence. Elementi comuni?

La capacità di far dimenticare la frenesia della vita cittadina e godersi un viaggio scandito dal giro dei pedali, nonché l’arrivo a Saint Germain de Fly. A questo punto la Greenway punta verso Dieppe, celebre cittadina di confine i cui paesaggi hanno ispirato artisti del calibro di Renoir, Monet, Degas e Pissarro. Qui, nonostante la promessa dell’Avenue Verte di raggiungere Londra in bicicletta, è necessario abbandonare il proprio sellino per qualche ora: giusto il tempo di attraversare la Manica in traghetto fino a Newhaven.

Newhaven-Londra

Poggiate le ruote in territorio britannico cambia il paesaggio, ma non la sostanza. Dalle tipiche scogliere a picco sul mare del sud dell’Inghilterra, il percorso prosegue risalendo l’isola attraverso il National Cycle Network, tra il verde tipico della campagna inglese e il rosso delle casette di mattoni in stile coloniale.

Il percorso ufficiale della Avenue Verte divide la seconda parte del viaggio in quattro tappe che variano dai 31 ai 44 chilometri e che non presentano particolari dislivelli. Proprio questa è una delle caratteristiche che conquistano di più di questa ciclovia europea: il fatto cioè che ogni tappa possa essere percorsa e utilizzata praticamente da chiunque. Giunti al cospetto della Regina Elisabetta, affrontare Londra in bicicletta dimostra quanto sia cambiata la città negli ultimi anni, dal punto di vista della mobilità.

La capitale dell’Inghilterra è ormai una realtà a misura di ciclista non così distante dai virtuosi modelli del nord Europa: una trasformazione avvenuta attraverso la costruzione di una sicura rete di infrastrutture e di ciclabili estese nei vari quartieri cittadini. Tutte le informazioni sul progetto e sulle tappe dell’Avenue Verte si trovano sul sito avenuevertelondonparis.co.uk.

Gianluca Zanardi

Settembre 2019

Articoli Correlati

Rafforzare le difese immunitarie... A tavola!
Partire da un'alimentazione sana per aiutare il nostro organismo a fronteggiare virus,...
Hummus al cipollotto
INGREDIENTI 400 g ceci cotti 1 mazzetto di foglie di cipollotto 3 spicchi d’aglio 3...
Wine Matters
Dall'impegno di una giovane imprenditrice, un progetto di economia circolare che recupera...
Imballaggi di foglie di banano
Dall'Asia le soluzioni per un packaging alternativo... e plastic free! Sulle spalle della...