feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Consumo responsabile in Italia. Una pratica in crescita

Consumo responsabile in Italia. Una pratica in crescita

 

L'approccio degli italiani al consumo critico e responsabile in un rapporto realizzato da Francesca Forno e Paolo Graziano su dati del 2018

Se è vero che il sistema capitalistico ha conseguenze negative sui rapporti economici, sull'ambiente e sulla società, è anche vero che fornisce a chi lo vive un'arma estremamente potente per provare a cambiare le cose: la capacità cioè di indirizzare i propri consumi verso quei prodotti, quelle realtà e quelle pratiche che fanno della solidarietà, dell'ecologia e della democrazia economica la propria bandiera.

Consumare bene e consumare coscientemente diventa quindi un imperativo di fondamentale importanza per costruire le società economiche del futuro: il tema negli ultimi anni è stato portato al centro del dibattito internazionale, inglobato nei 17 Sustainable Development Goals di Agenda 30 delle Nazioni Unite – il programma d'azione per le persone e il pianeta sottoscritto nel 2015 dai governi dei 193 paesi membri dell'ONU – e anche in Italia sta acquisendo sempre più rilievo. 

A testimoniarlo è il rapporto realizzato da Francesca Forno e Paolo Graziano nel 2018 sulla base dei dati raccolti tramite un sondaggio promosso dall'Osservatorio per la Coesione e l'Inclusione Sociale (OCIS) e condotto da SWG, che permette di fare chiarezza sulle dimensioni e le caratteristiche di un fenomeno diffuso ma poco studiato e di effettuare un'analisi sugli sviluppi di questo ambito dagli anni 2000 a oggi. I dati del rapporto 2018 sono infatti confrontabili con quelli di un'analisi analoga condotta nel 2002 nell'ambito dell'Ottavo Rapporto IREF sull'associazionismo sociale in Italia. 

E mentre in Lombardia si lavora per proporre una legge regionale di iniziativa popolare a tutela dell'economia sociale e solidale, vale la pena riflettere sui dati che riguardano l'ultimo anello della catena economica, quello che coinvolge in prima persona tutti i cittadini in qualità di consumatori. 

I numeri del consumo responsabile in Italia 

Due sono i punti salienti evidenziati dal rapporto: da un lato c'è l'abitudine sempre più diffusa tra gli italiani di consumare domandandosi quale sia il costo ecologico e sociale dei prodotti acquistati, dall'altro c'è la consapevolezza che questa pratica è andata a crescere lentamente, ma inesorabilmente, dal 2002 a oggi.

Soltanto il 36,6% del campione intervistato nel corso del sondaggio, infatti, ha dichiarato di non aver adottato alcuna pratica di consumo responsabile nell'anno precedente, mentre il 30,3% degli intervistati ha affermato di aver adottato anche solo temporaneamente una o più scelte di consumo critico (comprando cioè beni e servizi da imprese attente ai diritti dei lavoratori e della terra).

Il 37,3% delle persone coinvolte nel sondaggio ha acquistato (anche sporadicamente) generi del Commercio Equo e solidale, il 51,7% ha improntato le proprie scelte sulla sobrietà energetica e il 7,5% ha scelto viaggi di turismo responsabile che favorissero lo sviluppo delle economie locali. Infine il 10,6% degli intervistati ha acquistato prodotti tramite i gruppi di acquisto solidale (GAS).

Inoltre, il confronto tra i dati del 2002 e del 2018 evidenzia il fatto che la quota di cittadini attenti al consumo responsabile è salita notevolmente, passando dal 28,5% del 2002 all’83,4% del 2018 ed è quintuplicata la percentuale di persone che ha ispirato i propri consumi a uno stile di sobrietà. I turisti responsabili sono invece passati dallo 0,2% al 7,5%. 

Tra le cause del mancato approccio alle pratiche di consumo sostenibili, il rapporto ha evidenziato soprattutto la non conoscenza delle stesse (57,9% sul totale di chi ha risposto negativamente), seguita da un aperto disinteresse alla questione (15,7%).

Questi numeri mostrano in modo chiaro come sia cambiato nel corso degli anni l'atteggiamento degli italiani rispetto ai consumi: dato che potrebbe collegarsi all'avanzare della crisi economica da un lato – che avrebbe spinto a una maggiore consapevolezza circa le abitudini quotidiane, soprattutto per quanto riguarda le scelte energetiche e relative agli scarti e ai rifiuti – e dall'altro con il lavoro svolto durante gli ultimi anni dalle organizzazioni e dai movimenti, che avrebbero favorito una maggiore sensibilità sui temi della sostenibilità ecologica, dell'etica del lavoro e dell'impatto ambientale della società dei consumi. Inoltre, la maggiore reperibilità di alcuni prodotti ne ha reso più facile e immediato l'approvvigionamento (si pensi alla diffusione capillare dei GAS). 

Consumatori responsabili: chi sono?

Rispetto ai dati del 2002, le informazioni relative all'anno scorso mostrano un profilo del consumatore responsabile più eterogeneo: se nel 2002 il consumo critico era a prevalenza femminile (33%, rispetto al 26,1% degli uomini), piuttosto giovane (il 40,6% dei consumatori etici erano compresi tra i 18 e i 24 anni e il 37,6% tra i 35 e i 45 anni) e di livello culturale alto (52,6% di laureati contro il 27,4% di diplomati e l'11% con titolo di scuola dell'obbligo), nel 2018 il quadro risulta più vario. 

Si è ridotto il divario tra uomini e donne e la percentuale maggiore di consumatori responsabili si rileva oggi nelle fasce più anziane della popolazione (55-64 anni). É diminuita anche la differenza tra consumatori responsabili con titolo di studio alto o basso, con un picco però tra gli studenti (l'82,9 % dice di consumare criticamente). Infine, si è assottigliata anche la differenza relativa alla location urbana: se in passato a consumare con attenzione erano soprattutto gli abitanti delle città, ora la caratterizzazione esclusivamente metropolitana è andata scomparendo. 

Tra le motivazioni che spingono le persone ad acquistare con maggiore attenzione, in passato prevaleva il dato politico: il consumo critico veniva vissuto come uno strumento per intervenire sul divario tra nord e sud del mondo, mentre nel 2018 è aumentata la percentuale di chi opta per pratiche di acquisto alternativo perché interessato alla qualità dei prodotti (11,5%, contro il 3,8% del 2018). 

Consapevolezza e sensibilizzazione

In quest'ottica, diventa quanto mai necessaria un'azione di sensibilizzazione e di sostegno a modelli etici di consumo, che vada però a sommarsi con un sostegno alle modalità di acquisto consapevoli, perché siano sempre più fruibili. In che modo? Facilitando il rapporto città-aree rurali, sostenendo le forme di economia sociale e solidale anche nelle campagne e nelle aree interne (dove possono ricreare nuovi modelli di comunità e rilanciare l'economia locale secondo modelli nuovi) e creando reti efficaci tra le varie realtà attive.

Infine, fondamentale è il ruolo delle istituzioni pubbliche a diversi livelli, non solo per sostenere l'economia sociale e solidale, ma anche orientando i propri acquisti e consumi in chiave responsabile.

 

Marzo 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
Screpolature da freddo. Un fastidio che si può prevenire
Tagli e secchezza sulle labbra e sulle mani possono rendere l'inverno difficile da...
“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano
L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e...
Australia in fiamme. La “Chernobyl della crisi climatica”
La terra dei canguri messa in ginocchio dai roghi. Ma la politica continua a scegliere il...