feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Entro le vecchie mura un’oasi di sostenibilità e gusto

Biririnoteca

La Birrinoteca di Pizzighettone (Cr) ha fatto dell'etica la sua bandiera

Un'attività basata sulla sostenibilità a tutto tondo, contro le logiche di mercato della grande distribuzione, dei grandi marchi e delle multinazionali. Così Mauro Malusardi presenta il suo locale, la Birrinoteca di Pizzighettone (CR), che ha fatto della sostenibilità e dell'etica produttiva il suo marchio distintivo.

Perché una cosa è certa: per Mauro, ogni singola birra si porta dietro ideali ben delineati, su cui non è disposto a scendere a compromessi. Situata in via Garibaldi 48, la Birrinoteca offre infatti agli avventori esclusivamente prodotti provenienti da filiera corta, agricoltura biologica e cooperative sociali: una scelta di campo ben precisa per ragionare a fondo sulle finalità e i risvolti delle azioni quotidiane. Anche di quelle di svago: prendersi una birra, insomma, ma che sia etica fino in fondo.

Un impegno etico a tutto tondo

Ogni prodotto distribuito nella Birrinoteca, infatti, è naturale, proveniente da filiere di agricoltura biologica o promosso dal commercio equosolidale. Mauro è in contatto con cooperative sociali che impiegano persone svantaggiate in laboratori artigianali. I vini e le birre vengono prodotti in cantine e birrifici che si avvalgono di impianti fotovoltaici o eolici, mentre il caffè viene distribuito e in parte prodotto da piccole cooperative sociali che importano, lavorano e vendono solo caffè equo e solidale. I cibi - salumi, formaggi, pane, pizze e focacce, ma anche snack e bibite - sono anch'essi di produzione locale o si appoggiano al commercio equo e solidale; inoltre, utilizzano materie prime genuine molto controllate, nonché processi produttivi naturali (ad esempio, i prodotti da forno sono preparati con lievito madre).

Ma l'impegno della Birrinoteca non finisce qui: anche gli arredi del piccolo bar sono realizzati con legno recuperato e rilavorato per ottenere il prodotto finito. Gli sgabelli, per esempio, provengono (sempre attraverso il commercio equo e solidale) da una cooperativa femminile indonesiana.

Per quanto riguarda le apparecchiature, Mauro si appoggia, come gestore internet, a una piccola azienda di Cremona e sta cercando un gestore locale che utilizzi energie rinnovabili anche per quanto concerne la fornitura di energia elettrica. Inoltre, il conto corrente dell'attività è aperto presso Banca Etica. Insomma, un impegno veramente a tutto tondo. E per chi volesse approfondire o gustare un birrino tutto etico, le porte sono aperte. La Birrinoteca apre dal martedì alla domenica fra le 17:30 e l’1:00, mentre venerdì e sabato resta aperta fino alle 2.

Andrea Emilio Orsi

Ottobre 2018

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
E ora coraggio e lungimiranza. Sindaci e assessori: niente più alibi
Dopo le elezioni europee e amministrative, avviate i cinque anni del vostro mandato con...
Il Festival della Sostenibilità e dell'Ambiente sbarca a Lecco
Dal 13 al 15 settembre nel cuore della città lariana alla scoperta delle potenzialità del...
Overshoot Day
Il vecchio Continente di fronte alle nuove sfide ambientali tra stati di emergenza e...