feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Greeneagle team. Innovazione, tecnologia e tradizione

Greeneagle

“In tri dè ‘nte fa sö na cà” grazie ad un sistema costruttivo che non trema

Quale sarà il futuro dell’edilizia in un mercato in continua recessione? Continua a soffiare un vento freddo dopo la bufera che ha paralizzato il mercato e il tempo del disgelo sembra ancora lontano. Dalla politica nessuna buona notizia, anzi: le iniziative del Governo, IMU in primis, non aiutano.
E allora come fare per cercare di uscire da una situazione che intrappola il settore come le sabbie mobili? Le soluzioni finora proposte non sembrano essere efficaci. Forse è tempo di cambiare gli strumenti con cui si è abituati a lavorare e cercare soluzione alternative.

Greeneagle team, coniugando tecnologia e tradizione, è l’interlocutore giusto per chi crede nell’innovazione. La società nata dalla volontà Gianfranco Pinotti e dal giovane imprenditore Ghilardi Dario Ezio vuole “mettersi su una linea orizzontale per collaborare, scambiarsi esperienze e costruire nuove reti d’impresa”, spiega Pinotti. Il sistema Greenaegle si fonda sull’innovativo sistema costruttivo Nidyon che, attraverso l’utilizzo di pannelli modulari prearmati in polistirene, realizza costruzioni caratterizzate da un insieme monolitico di pareti portanti in calcestruzzo armato gettato in opera.

Nella parte strutturale i setti portanti sono gettati entro un pannello doppio di polistirene che assolve la funzione di cassero. Il pannello diventa elemento costruttivo e garantisce prestazioni di flessibilità e antisismicità alla struttura, oltre a valide proprietà isolanti da un punto di vista termico e acustico. La facilità della messa in opera del pannello doppio permette inoltre di ridurre le tempistiche per la realizzazione dell’edificio al grezzo e di conseguenza ottenere un significativo risparmio sui costi della manodopera. Il forte carattere innovativo risiede nella possibilità di costruire a costi contenuti, edifici in grado di resistere senza danno anche ai terremoti più distruttivi, come ha confermato una ricerca condotta a Pavia presso il Centro Sismico Eucentre. Ciò significa che un edificio progettato con questi criteri, posto in un’area sismica, non subirebbe alcun danno e sarebbe immediatamente rioccupabile.

Gli evidenti vantaggi di questa prestazione diventano fondamentali in caso di edifici sensibili quali scuole, ospedali, caserme, uffici governativi e soprattutto attività produttive. Un esempio concreto si trova a Osio Sotto, nel cantiere di via Miranga, dove è in corso la costruzione di una casa famiglia.
Nell’arco di una giornata di lavoro il materiale è passato dalla forma di un cubo su un camion di trasporto alle pareti in opera: la casa prendeva forma e dalla dimensione orizzontale del progetto si sostituiva la verticalità dell’edificio. Posizionati i pannelli con pochi metri cubi di calcestruzzo, le pareti della casa vengono innalzate. Basterà poi intonacare e la struttura sarà finita, con una trasmittenza che la rende pronta per essere considerata di Classe A.

Secondo la normativa in materia di contenimento energetico, infatti, l’ottenimento della certificazione in classe A dipende dal valore di trasmittenza termica definito in base alle zone climatiche degli elementi costruttivi quali pareti, solai, tetti e finestre.
Il pannello doppio Nydon presenta un livello di isolamento termico molto elevato soprattutto se utilizzato in concomitanza con il riscaldamento a pavimento, il cui connubio permetterebbe un notevole risparmio anche in termini di costi.


Per raggiungere la classe A il sistema costruttivo può essere completato con l’installazione di apparecchiature come pompe di calore o strumenti per il trattamento dell’aria per cui l’abitazione può essere comunque predisposta. Greeneagle team ha ripensato il mestiere partendo da valori fondamentali: il rispetto umano e la sostenibilità delle risorse. In pochi giorni a Osio Sotto si è potuta realizzare una casa senza aver prodotto né scarti né rifiuti, senza consumare malta, né acqua.

www.greeneagle-team.com 

Gennaio 2015

Articoli Correlati

Non solo un atto agricolo
Se mangiare (consapevole) significa futuro “Il mangiatore industriale non sa che mangiare...
Castagne
Il cereale che cresce sull'albero La castagna, frutto del castagno, viene definita “il...
Cavolo cappuccio
Poche calorie, zero grassi, tanto gusto Il cavolo cappuccio viene definito una pianta...
Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...