feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

L’Isola del tesoro c’è! È solidale e sostenibile

L’Isola del tesoro c’è! È solidale e sostenibile

La Cooperativa Biplano da oltre 10 anni unisce l’attività sociale con l’attenzione ai temi ambientali

Si dice che le cattive abitudini siano dure a morire? Forse sì, ma le buone abitudini sono contagiose e si moltiplicano. Anche la sostenibilità, nella sua accezione sociale, fa bene a tutti e una volta provata è difficile tornare indietro.

Un esempio di come le buone pratiche possano solo produrne altre sempre migliori è sicuramente Biplano, la cooperativa sociale di Bergamo che da oltre quindici anni gestisce servizi nell’area della salute mentale con l’obiettivo del reinserimento sociale e lavorativo di persone con problemi psichici, attraverso percorsi residenziali e di propedeutica al lavoro.

Attualmente Biplano gestisce una Comunità Residenziale a Urgnano, alcuni appartamenti per l’autonomia abitativa e diverse attività di propedeutica al lavoro.

Le cooperative sociali sono per loro natura portatrici di solidarietà ma, se a questo si aggiungono anche modelli sostenibili concreti, il messaggio diffuso si amplifica diventando un esempio e una risorsa per l’intera comunità.

Sono diverse le attività funzionali relative alla propedeutica al lavoro per persone con disagio psichico, tutte accomunate dal carattere ecosostenibile, come il biologico e il riutilizzo, attività svolte nel centro diurno Isola del Tesoro di Gorle (Bg).

Uno spazio che non poteva che chiamarsi così, perché il risultato di ciò che accade in quest’isola a due passi dal centro abitato è un vero tesoro: il Centro privilegia “l’Asse lavorativo” (percorsi occupazionali e di propedeutica al lavoro) fondandosi sulla possibilità per i soggetti di esperire un ruolo lavorativo, inteso sia come possibilità di assumersi un impegno di tipo lavorativo riconosciuto e produttivo, sia come assunzione di un’identità sociale.

Nello specifico i tesori dell’isola sono: il Riciclo giocattoli, un’attività che consiste nel recupero e nella rivalutazione di giocattoli dimessi con conseguente immissione nel mercato, il Ricicletta, un laboratorio di recupero di biciclette per adulti e per bambini attraverso la loro riparazione e rimessa in funzione, e infine l’Agricoltura Biologica, l’attività forse più conosciuta sul territorio.

L’azienda agricola di Biplano, che da più di dieci anni produce ortaggi con metodo biologico, è costituita da un appezzamento di terreno di circa 3.5 ettari, di cui una parte è in affitto dal Comune di Bergamo; 8mila mq sono coperti da serre, mentre i restanti sono destinati a colture in campo aperto. L’intera produzione ruota attorno alla stagionalità dei prodotti e alle logiche della biodiversità.

L’attività agricola è gestita da un agronomo, da un educatore, da alcuni operai agricoli e da inserimenti lavorativi, garantendo in questo modo la necessaria professionalità per la gestione organizzativa, la commercializzazione, ma anche l’attenzione per i percorsi riabilitativi e di accompagnamento all’inserimento lavorativo.

Attualmente Biplano produce ortaggi biologici su diversi appezzamenti di terreno, in particolare a Grumello al Piano, all’interno del Parco Agricolo di Bergamo a Urgnano; consegna le verdure ai gas e in diversi mercatini di Bergamo e provincia: l’elenco completo su www.cooperativabiplano.it.

Elisa Troiani

Dicembre 2015

Articoli Correlati

Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
La ex bocciofila diventa ristorante con ampi spazi interni ed esterni, gestito dalle...
Risparmio ambientale ed economico: una famiglia italiana spende in media 240 euro in...
La celebre Infinity Mirror Room dell’artista giapponese arriva per la prima volta in...