feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La bietola da costa

La bietola da costa

Una variazione sul tema degli spinaci raccomandata da Plinio il Vecchio

La beta vulgaris cicla, denominazione botanica della bietola da costa, è una pianta erbacea le cui virtù alimentari erano già note presso gli Assiri e in epoca romana Plinio il Vecchio la celebrava come rimedio efficace contro la dissenteria, l’itterizia e le impurità intestinali. Sviluppatosi originariamente lungo i miti litorali mediterranei, questo ortaggio da foglia si diffonde un po’ ovunque grazie alla sua grande adattabilità: in Italia vengono coltivate prevalentemente in Liguria, Toscana, Lazio e Puglia.

Le bietole da costa più comuni si presentano con foglie di color verde scuro attraversate da venature bianche, come i gambi carnosi che le sorreggono; in natura però si possono trovare varianti particolarmente vistose e decorative dal gambo rossiccio o tendente all’arancione. Ricche di sali minerali (soprattutto potassio, magnesio e calcio) e fibre, le bietole possiedono proprietà digestive ed emollienti mentre il loro apporto calorico risulta molto contenuto (circa 20 cal/100 g). Nel complesso vantano inoltre una rilevante presenza di carotene, acido folico (ottimo in caso di anemia e consigliato durante la gravidanza) e flavonoidi. Il consumo delle foglie esteriori, contenenti vitamine A, C e K in maggiori quantità, risulta benefico per il corretto funzionamento della retina, lo sviluppo osseo e il mantenimento della pelle.

 

Bietole e coste gratinate

Preparazione

Lavate le foglie di bietola e separatele dalle coste. Scottate le coste per cinque minuti, con un pizzico di sale e il succo di limone, quindi scolatele e foderate il fondo di una teglia da forno precedentemente imburrata, spolverando con poco sale e abbondante formaggio grattugiato.

Fate dorare la cipolla tritata e aggiungete le foglie di bietola tagliate a strisce. Aggiungete la farina e mezzo bicchiere di brodo vegetale e girate facendo ritirare il brodo. Dopo 10 minuti aggiungete una grattugiata di noce moscata e di formaggio.

Coprite le coste con il composto ottenuto e mettete in forno per circa 20 minuti a 180° C.

Ingredienti

• 500gr di bietole a costa larga

• 1 cipolla

• 1 tazza di brodo vegetale

• 2 cucchiai colmi di farina

• 150 gr di pecorino o parmigiano

• succo di mezzo limone

• noce moscata

• olio extra vergine d’oliva

• sale e burro q.b.

Maggio 2015

Articoli Correlati

Brescia: il territorio del vino
La fine dell’estate è il momento ideale per scoprire e assaporare i vigneti e i calici di...
e-bike per le persone con disabilità
Assieme ad altre realtà europee, il Comune di Bergamo ha vinto un nuovo bando del...
escursioni gratuite in Lombardia
Ecco tutti gli itinerari ai quali è possibile prendere parte assieme alle Guide alpine e...
orto
L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole...