feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

La sostenibilità che paga. L'esempio di Alcass

La sostenibilità che paga. L'esempio di Alcass

L'azienda leader del settore surgelati ha fatto dell'attenzione ad ambiente e salute la sua bandiera

Nuovi stili di vita, maggiore attenzione alle scelte alimentari e consapevolezza degli impatti ambientali nella propria quotidianità: i consumatori stanno cambiando e, con loro, cambiano anche i mercati. Ecco allora che anche le aziende sono chiamate a scegliere dove orientare le proprie attività, rendendosi partecipi di un cambiamento anche economico verso un futuro migliore per tutti.

Il caso di Alcass Spa, azienda bresciana tra i maggiori player del settore dei prodotti surgelati e senza conservanti, è emblematico: accanto al successo imprenditoriale – l'azienda ha registrato una crescita del fatturato del +34% ed è sbarcata su nuovi mercati esteri quali USA e Asia – Alcass ha infatti intrapreso negli ultimi anni numerose azioni per la tutela dell'ambiente e per la riduzione della cosiddetta “Carbon footprint”, confermando il trend secondo cui la sostenibilità, lungi dall'essere un limite, può diventare un significativo valore aggiunto.

Il primo passaggio verso un'attività aziendale più green è stata l'installazione di un impianto fotovoltaico che, integrato nella copertura dello stabilimento, ha permesso di utilizzare ai fini produttivi quasi la totalità dell’energia solare generata, limitando notevolmente la dipendenza dalle fonti fossili e riducendo le perdite grazie all’autoconsumo: l'impianto copre infatti circa il 50% del fabbisogno energetico dell'azienda. Importante è stata anche l'attenzione data dal tema del consumo della plastica nella attività di confezionamento: negli ultimi anni l'azienda ha ridotto al minimo lo spessore dei film plastici per il confezionamento dei suoi prodotti, con un risparmio di circa 15 mila chili di materiale l'anno.

Non solo, ha spiegato l'amministratore delegato Renato Bonaglia: «Abbiamo in corso di sperimentazione un’innovativa tipologia di film per la protezione igienica dei prodotti che può essere direttamente inserito nel rifiuto organico in quanto 100% compostabile, trattandosi di bio-plastica. Se i test effettuati avranno esito positivo potremo introdurre un ulteriore e assai importante miglioramento dell’impatto ambientale dei nostri prodotti e saremmo la prima azienda del settore ad attivare tale innovazione, cosa che ci renderebbe molto fieri perché potremmo fungere da apripista per altri e innestare un circolo virtuoso di cambiamento».

Alcass produce da oltre trent’anni una varietà di prodotti a brand Amica Natura, dalla linea classica a base di carne, al biologico distribuito presso i negozi specializzati, al Vegano e Vegetariano, fino alle ultime novità sviluppate con l’utilizzo di alimenti “Superfood”.

Luglio 2019

Articoli Correlati

Brescia: il territorio del vino
La fine dell’estate è il momento ideale per scoprire e assaporare i vigneti e i calici di...
e-bike per le persone con disabilità
Assieme ad altre realtà europee, il Comune di Bergamo ha vinto un nuovo bando del...
escursioni gratuite in Lombardia
Ecco tutti gli itinerari ai quali è possibile prendere parte assieme alle Guide alpine e...
orto
L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole...