feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Paradiso perduto?

Stagno

Amazzonia, ricchezze e potenzialità dell'area verde più importante della terra minacciate dagli interessi delle lobby

Il “polmone verde” del pianeta, amato e violentato, ricchissimo di biodiversità e materie prime eppure progressivamente impoverito dall'avidità umana e dagli interessi delle lobby del legname, della terra e delle coltivazioni intensive: l'Amazzonia rappresenta oggi il più grande ed evidente problema ecologico del nostro pianeta. 

Un possibile legame tra foresta e uomo

Vasta quasi quanto metà dell’Europa, l’Amazzonia è infatti la più grande foresta pluviale al mondo e rappresenta l’area con la maggiore biodiversità della Terra, in grado di condizionare e regolare il clima dell'intero pianeta. Da sola, l'Amazzonia assorbe ogni anno fino a 2 miliardi di tonnellate di biossido di carbonio e rilascia il 20% dell'ossigeno della terra; l'area dell'Amazzonia – che copre una superficie superiore a 7 milioni di chilometri quadrati – è una delle più ricche di specie animali e vegetali del pianeta, ma anche una delle meno densamente popolate.

Situata per circa il 65% sul territorio brasiliano, si estende anche in Colombia, Perù, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana Francese ed è abitata da numerose popolazioni indigene, spesso vere e uniche custodi dell'equilibrio di un ecosistema ricchissimo e sempre più minacciato. Come dimostra ad esempio il caso delle tribù del Mato Grosso brasiliano “Pater-Suruis”, prima popolazione tribale del mondo a ricevere il certificato internazionale VCS (Verified Carbon Standard) per vendere crediti di CO2 grazie al disboscamento che hanno evitato sul loro territorio, espellendo oltre un centinaio di segherie abusive. A riprova del fatto che, volendo, la cura della foresta può rendere.

E non solo in termini di riduzione di emissioni: secondo uno studio pubblicato nel 2018 su Nature e ripreso dal Sole 24 Ore, infatti, un ettaro di foresta amazzonica rende ogni anno 148 dollari se trasformato in terra da allevamento, 1.000 dollari se usato per ricavare il legname e 6820 dollari se invece la foresta viene rispettata, attingendo alle sue risorse sotto forma di raccolta invece che di sfruttamento. 

Sfruttamento, lobby e deforestazione

Eppure oggi oltre un quinto della superficie originaria della Foresta Amazzonica è già andato distrutto e il ritmo purtroppo è in crescita. Enormi porzioni di foresta vengono abbattute da taglialegna illegali o per fare spazio a pascoli e allevamenti intensivi. Miniere, pozzi petroliferi, strade, dighe e opere infrastrutturali stanno frammentando la foresta, che per le sue terre ancora vergini fa gola a tanti.

Secondo le cifre ufficiali del governo brasiliano datate alla metà del 2018, in un anno (da agosto 2017 a luglio 2018) è scomparsa un'area di foresta pluviale pari a un milione di campi di calcio (8 mila chilometri quadrati, con un aumento del tasso di deforestazione pari al 13,7%, il peggiore in dieci anni. E il neo eletto presidente Jair Bolsonaro punta a lasciare ancora più potere alle multinazionali del latifondo e dell'agricoltura intensiva.

Febbraio 2019

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
E ora coraggio e lungimiranza. Sindaci e assessori: niente più alibi
Dopo le elezioni europee e amministrative, avviate i cinque anni del vostro mandato con...
Il Festival della Sostenibilità e dell'Ambiente sbarca a Lecco
Dal 13 al 15 settembre nel cuore della città lariana alla scoperta delle potenzialità del...
Overshoot Day
Il vecchio Continente di fronte alle nuove sfide ambientali tra stati di emergenza e...