feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Piccoli pensieri crescono con gusto

Piccoli pensieri crescono con gusto

 

Premiate le classi vincitrici dell’edizione 2014/2015 di “Mangio locale, penso universale”, progetto di sensibilizzazione ai temi di Expo 2015

 

“Mangio locale, penso universale” questo è il nome del progetto nato nel 2011 da un’idea del Comune di Bergamo in collaborazione con SerCar Spa, Bergamo Servizi Pubblici e Coldiretti Bergamo con l’intento di accompagnare le scuole primarie cittadine fino al grande evento di Expo 2015, sensibilizzando gli alunni e le loro famiglie sull’importanza di una sana educazione alimentare, la conoscenza della ricchezza delle tradizioni alimentari del territorio e dell’attività agricola.

Tutte le classi coinvolte hanno partecipato a un grande concorso che, attraverso la presentazione dei propri elaborati sul tema del cibo e dell’agricoltura sostenibile, li ha portati alla possibilità di aggiudicarsi premi utili e gustosi ma anche, per i più meritevoli, l’ingresso a Expo 2015, come già era avvenuto per l’edizione passata.

Il 3 giugno presso la Sala Consiliare del Comune di Bergamo si sono svolte le premiazioni dell’edizione 2014/2015 con l’intervento dei promotori del progetto, l’assessore all’Istruzione, Formazione, Università e Sport Loredana Poli per il Comune di Bergamo, il presidente Alberto Brivio per Coldiretti e Marco Carrara per SerCar Ristorazione Collettiva. Erano ben 300 gli alunni presenti, in rappresentanza delle 9 scuole cittadine che hanno partecipato al concorso, tutti molto curiosi di conoscere la classifica degli elaborati stilata dalla giuria di esperti.

Gli ingressi a Expo 2015 sono stati assegnati alle classi seconde della scuola primaria Diaz, alle classi seconde della scuola primaria Rosciate e alle classi seconde della scuola primaria Rosmini. Si sono aggiudicate la possibilità di raccogliere la frutta direttamente dall’albero presso l’azienda Agricola S. Anna di Locatelli Matteo a Valbrembo le classi quarte della scuola primaria Valli e le classi prime della scuola primaria Cavezzali.

Le altre classi sono state premiate con cesti di prodotti del territorio per una merenda sana. Tutti gli alunni hanno ricevuto un attestato di partecipazione e gustose gelatine di miele. Sono stati inoltre distribuiti i dvd con il filmato dei momenti più salienti del lavoro svolto dalle varie classi. Anche durante l’anno scolastico ormai concluso, sempre nell’ambito del progetto “Mangio locale, penso universale”, sono stati serviti in tutte le scuole di Bergamo, una volta al mese, 5.000 pasti con menù a chilometro zero.

È stata riproposta anche l’esperienza di due orti didattici, per far vivere in prima persona ai bambini la fase produttiva e i ritmi della natura. Tutto il prezioso lavoro svolto durante l’anno scolastico sul tema dell’alimentazione - fotografie, video e filmati, ma anche schede didattiche e giochi a tema - sono disponibili sul sito www.mangiolocalepensounivesrale.it e sul rispettivo canale youtube.

M.D.

Luglio 2015

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...