feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Rabarbaro

Rabarbaro

Base della medicina orientale

La prima cosa che sicuramente ci verrà in mente pensando al rabarbaro sono le caramelle dal sapore amarognolo che almeno una volta nella vita tutti noi abbiamo mangiato grazie ai nostri nonni o ai nostri genitori proprio per le proprietà curative della pianta.

L’utilizzo del rabarbaro per scopi alimentari e medicinali risale al 2700 a.C. nella regione asiatica, motivo per cui le origini di questa pianta sono collocate in Tibet e in Cina.

La pianta è stata quindi introdotta in Occidente a seguito dell’espansione coloniale delle potenze europee.

Il rabarbaro è un regolatore delle funzioni digestive: utilizzato in piccole dosi aiuta la digestione e la depurazione del fegato dalle tossine. Utilizzato in grandi dosi è un efficace lassativo. Alcuni studi gli attribuiscono poi anche una funzione antisettica per le infezioni intestinali e irritazioni delle mucose.

Questa pianta viene utilizzata dalla radice fino alla foglia in vari modi: con la radice si ricava il succo per fare liquori, caramelle e tonici; con la foglia invece moltissime ricette gustose, sia dolci che salate. 


La ricetta - Torta salata al rabarbaro e taleggio

 
Ingredienti

• 500 gr di rabarbaro

• 1 rotolo di pasta sfoglia

• 150 gr di taleggio

• 100 ml di panna liquida

• 1 uovo

• 1 cucchiaio di zucchero

• 1 pizzico di noce moscata

• Sale e pepe q.b.

Preparazione

In un tegame posizionate il rabarbaro insieme a un cucchiaio di zucchero, un pizzico di sale e dell’acqua, in modo che la verdura si ammorbidisca. Prendete poi una ciotola, sbattete un uovo e metteteci il rabarbaro insieme al taleggio e alla panna liquida; aggiungete anche un pizzico di noce moscata.

Mescolate bene in modo da amalgamare il tutto e assaggiate per aggiustare di sale e pepe. Successivamente mettete il vostro composto su un rotolo di pasta sfoglia, precedentemente steso su una teglia. Infornate il tutto a 180° con forno preriscaldato, per circa 20 minuti. In alternativa potete realizzare delle mono porzioni.

Questa ricetta è ideale per un pranzo, un apericena o una merenda salata con i vostri amici.

Settembre 2019

Articoli Correlati

Non solo un atto agricolo
Se mangiare (consapevole) significa futuro “Il mangiatore industriale non sa che mangiare...
Castagne
Il cereale che cresce sull'albero La castagna, frutto del castagno, viene definita “il...
Cavolo cappuccio
Poche calorie, zero grassi, tanto gusto Il cavolo cappuccio viene definito una pianta...
Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...