feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

“Ooho”, la bottiglia d’acqua diventa commestibile

“Ooho”, la bottiglia d’acqua  diventa commestibile

Gli ingredienti? Una miscela di alghe brune e cloruro di calcio

L’ultima invenzione? Una bottiglia di plastica non solo biodegradabile, ma il cui packaging è addirittura commestibile. La bottiglia è il risultato di una miscela di alghe brune e cloruro di calcio, che può facilmente sostituire le bottiglie d’acqua di plastica che sono in commercio. L’obiettivo di questa invenzione è quello di eliminare uno dei materiali più inquinanti e più utilizzato al mondo, cioè la plastica. Diversi sono stati nel corso degli anni i tentativi di eliminare questa sostanza dannosa ma assai utilizzata nella nostra vita quotidiana, come il riciclo delle bottiglie di plastica o l’utilizzo dell’acqua corrente invece di quella confezionata, in modo tale da conservare l’acqua in bottiglie di vetro che possono essere tranquillamente riutilizzate numerose volte. Diffondere questa buona pratica sostenibile, purtroppo, non è una cosa semplice.

La pubblicità e la società dei consumi di massa, infatti, invogliano le persone ad acquistare acqua e prodotti già imbottigliati e confezionati. Con la bottiglia biodegradabile, invece, si potrebbe liberare l’intero pianeta da questo materiale inquinante. L’invenzione è dovuta a un team di giovani designer e ricercatori londinesi che hanno creato una membrana gelatinosa denominata “Ooho”, commestibile e biodegradabile oltre al fatto di essere in grado di contenere liquidi. Dispone infatti di una struttura molecolare capace di contenere ed evitare fuoriuscite d’acqua. Rodrigo Garcia Gonzales, Pierre Paslier e Guillaume Couche sono i tre giovani autori dell’invenzione. Anche se la bottiglia biodegradabile è ancora in fase di miglioramento, Ooho ha vinto il premio Lexus Design Award 2014, la manifestazione che offre la possibilità ai giovani inventori di esibire le proprie invenzioni, le quali vengono sottoposte a un attento esame da parte di professionisti nel settore del design di fama mondiale.

D.P.

Febbraio 2015

Articoli Correlati

Incontri, scambi, momenti formativi e ludici hanno arricchito la nuova edizione della...
Dal 21 giugno al 12 luglio torna il festival organizzato da Legambiente Bergamo che...
Il recente libro di Elena Granata evidenzia come le donne abbiano sempre maturato un...
Al Polaresco l’1 e il 2 giugno un fine settimana dedicato ad ambiente, natura e cura del...