feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Ad Alzano Lombardo un'academy per giovanissimi attivisti

Ad Alzano Lombardo un'academy per giovanissimi attivisti

L'Accademia per Ambasciatori della Giustizia Climatica organizzata dall'Istituto Montalcini con la Ong Plant For The Planet

Un'accademia per formare ragazzi consapevoli sulle problematiche ambientali, perché questa consapevolezza diventi azione concreta, scelta, cambiamento: come ha fatto Felix Finkbeiner, giovanissimo attivista tedesco, che ha fondato l'organizzazione internazionale “Plant for the planet” per la difesa ambientale e sul cui esempio è stata organizzata ad Alzano Lombardo (Bg) l'“Accademia per Ambasciatori della Giustizia Climatica”, in collaborazione con la sua organizzazione.

Previsto per il 21 e 22 marzo 2020, l'evento è stato organizzato dall'Istituto “Rita Levi Montalcini” di Alzano, che ha riservato 50 posti per alunni di quinta elementare, prima e seconda media della scuole e 40 posti per giovani studenti da altri istituti della bergamasca.

L'Accademia sarà così una due giorni di formazione e sensibilizzazione tutta a misura di studente, da ragazzi a ragazzi, su temi quali crisi climatica, giustizia globale, CO2 e contesto ambientale, ma anche sulle tecniche per le pubbliche relazioni e sul lavoro motivazionale, così che i giovanissimi siano in grado di promuovere il progetto e diffondere buone pratiche di piantumazione e tutela ambientale.

I formatori, infatti, saranno anch'essi ragazzi che, avendo partecipato in precedenza a un'accademia, sono diventati “ambasciatori per la giustizia climatica” e ora si impegnano in prima persona a promuovere una nuova visione di vita, consumi e azioni quotidiane.

Due giorni con Plant For The Planet

L'evento prenderà il via sabato 21 marzo, primo giorno di primavera, con una serata aperta a tutta la cittadinanza: alle ore 18.00 presso l'Auditorium Nassirya di Alzano Lombardo, si svolgerà l'accoglienza degli ambasciatori di Plant For The Planet e la presentazione della due giorni.

La giornata di domenica 22 marzo, invece, sarà dedicata esclusivamente ai ragazzi e alle ragazze partecipanti: in mattinata si terrà la formazione sul significato del ruolo di “ambasciatore per la giustizia climatica” e sulle problematiche connesse al clima e ambiente, mentre nel pomeriggio si svolgeranno la piantumazione degli alberi e i lavori conclusivi dell'esperienza.

Per info e aggiornamenti: 035 511390. 

 

UniBg: nuovo merchandising in materiali biodegradabili

Un ateneo sostenibile, non solo nella teoria ma anche nella pratica: è quanto ha voluto fare l'Università degli Studi di Bergamo, che ha lanciato un nuovo merchandising tutto a base di materiali recuperati o biodegradabili.

Realizzati curando qualità e bellezza, gli articoli sono tutti oggetti di uso comune per studenti e dipendenti dell’Ateneo: il taccuino e il quaderno flessibile realizzati con gli scarti della lavorazione delle mele e con la copertina personalizzabile, la penna biodegradabile realizzata con Bioplastica a base di PLA (polylactide) derivato dallo zucchero di canna, la tazza in bamboo, le t-shirt in cotone biologico al 100%, brandizzate e le borracce a zero emissioni da 500 ml.

Obiettivo green

L'iniziativa si sposa con l'idea di comunicare i valori dell'ateneo con strumenti diversi e innovativi: l'anno scorso era stata presentata la nuova immagine coordinata, mentre quest'anno è stata la volta del merchandising green e della distribuzione del report “UniBg inChiaro”, per raccontare l'ateneo e la sua mission in modo nuovo, semplice e chiaro.

Il rettore Remo Morzenti Pellegrini ha posto l’obiettivo sulla diffusione della cultura della sostenibilità, come spinta propulsiva di nuove sensibilità: «Essere sostenibili vuol dire mettere in campo una pluralità di azioni che solo in parte hanno a che fare con strumenti e tecnicalità - ha dichiarato a tal riguardo -. Come spesso accade, anche in questo caso, a venire prima di tutto e ad agire da collante, è la cultura. L’obiettivo ambizioso che ci poniamo e per il quale lavoreremo da qui ai prossimi anni, è diffondere una piena cultura della sostenibilità e sensibilizzare tutte le nostre persone, sia gli studenti che i dipendenti di Unibg, innescando in loro una maggiore attenzione verso l’ambiente e verso la società tutta. Il nuovo catalogo è un passo verso questa direzione. Una strada che per essere davvero efficace, ha sempre più bisogno del potente eco della comunicazione».

Marzo 2020

Articoli Correlati

Carta della Mobilità 2020
Presentata la nuova guida di ATB e TEB utile e aggiornata per viaggiare informati con...
Approvato in commissione bilancio della camera l'emendamento al decreto rilancio sulla...
In due giorni alcuni istituti pubblici di Bergamo hanno tutte ricevuto i contenitori per...