feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano

“Anthropoceano”, il primo murales mangia-smog di Milano

L'opera d'arte è realizzata con pittura Airlite capace di assorbire anidride carbonica e purificare l'aria

Si chiama Anthropoceano ed è il primo murales “mangia smog” della città di Milano. Realizzato dall'artista internazionale Federico Massa - in arte Iena Cruz - l'enorme opera d'arte è stata dipinta sul muro di un edificio in via Viotti, nei pressi della stazione ferroviaria di Lambrate, e rappresenta le “cicatrici lasciate dall'uomo sui fondali e sulla superficie dell'oceano, segni spesso indelebili di una catastrofe ambientale che ci coinvolge tutti”, come ha spiegato lo stesso artista al Corriere della Sera.

L'opera è stata promossa dalla onlus Worldrise nell'ambito del progetto “No plastic more fun” con il sostegno della Ocean Family Foundation e la collaborazione di North Sails, tramite il quale è stata già creata la prima rete di locali della movida milanese che hanno rinunciato alla plastica monouso.

Il murales si inserisce quindi in un'intensa attività di contrasto all'inquinamento ambientale, e lo fa a partire dalla vernice: “Anthropoceano” è stato infatti realizzato con Airlite, una pittura che trasforma le pareti in veri e propri depuratori naturali. Airlite è infatti 100% naturale e in grado di assorbire anidride carbonica e gas nocivi presenti nell’atmosfera.

Si tratta di una polvere a cui viene aggiunta una soluzione liquida contenente biossido di titanio: la sostanza si attiva a contatto con la luce, trasformando gli agenti inquinanti in molecole di sale. Inoltre è efficace sul 99,9% dei batteri presenti sulla superficie, tramite l’ossidazione superficiale e l’elevata alcalinità, che combinate impediscono ai batteri di sopravvivere. Infine riduce i consumi da raffreddamento: riflettendo parte delle radiazioni solari infrarosse, limita il passaggio di calore.

Ciò si traduce in ambienti più freschi in estate con un risparmio sul condizionamento tra il 15 e il 50%. Ciò che oggi impedisce l'uso diffuso di Airlite in tutte le città sono soprattutto i costi elevati, un problema che si spera di ovviare con l'implementazione della tecnologia nei prossimi anni.

Pur essendo il primo della città di Milano, “Anthropoceano” non è un unicum italiano: nel 2018, Iena Cruz aveva già realizzato a Roma “Hunting Pollution” con l'associazione Yourban2030, battendo il primato di murales ecofriendly più grande d’Europa.  

Gennaio 2020

Articoli Correlati

Brescia: il territorio del vino
La fine dell’estate è il momento ideale per scoprire e assaporare i vigneti e i calici di...
e-bike per le persone con disabilità
Assieme ad altre realtà europee, il Comune di Bergamo ha vinto un nuovo bando del...
escursioni gratuite in Lombardia
Ecco tutti gli itinerari ai quali è possibile prendere parte assieme alle Guide alpine e...
orto
L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole...