feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Bike strike: tutti in sella per promuovere la mobilità sostenibile

Venerdì 24 luglio alle 19.00 si svolgerà una pedalata festosa per promuovere proposte concrete che favoriscano una mobilità sostenibile.

«Non trovi mai parcheggio? Prendi la bici!» è lo slogan di Bergamo riparte in bici, dal quale è nato anche #Bergamoriparteinbici, iniziativa nata durante il lockdown da alcune associazioni del territorio per lanciare proposte nuove e concrete che favoriscano una mobilità sostenibile e a misura d'uomo per Bergamo e i comuni limitrofi. Tutto questo grazie a realtà molto diverse tra loro che hanno come minimo comune denominatore il mondo dei pedali: si va dai ciclisti urbani della FIAB-Pedalopolis agli universitari di Bike2UniBg, dalle associazioni ecologiste storiche come Legambiente ai giovanissimi di Fridays for Future, dai più sportivi de La Popolare Ciclistica al Comitato Ferrovia Ambiente e Salute della Valle Brembana. Ne è nato un appello sul web, indirizzato agli amministratori comunali di città e hinterland, che, in pochissimo tempo, ha trovato il sostegno di 129 soggetti collettivi diversi, tra comitati di quartiere, esercenti, associazioni di genitori, circoli e perfino operatori turistici.

L’evento e le proposte

Venerdì 24 luglio, con partenza alle 19.00 da piazzale Marconi, ovvero il piazzale davanti alla stazione dei treni di Bergamo, i promotori di Bergamo riparte in bici hanno organizzato un Bike Strike. Si tratta di una pedalata per le vie cittadine aperta a tutti che tenga viva l’attenzione sulle proposte messe in campo in questi mesi come la creazione di ciclabili "pop-up" (dette anche d'emergenza o temporanee), mediante segnaletica orizzontale e verticale e da cantiere lungo alcune vie cittadine maggiormente frequentate, il rafforzamento di Zone a Traffico Limitato (Ztl) e Zone 30 che permettano maggior sicurezza nello spostamento con mezzi meno impattanti (non solo bici, ma anche e-bike, monopattini, roller, scooter elettrici...), l'installazione di rastrelliere e stalli sicuri per il parcheggio di propri mezzi, coinvolgendo anche gli esercenti di prossimità per favorire il commercio di vicinato, l'incentivo al bike-sharing (BiGi e Mobike) e allo sharing di monopattini elettrici, una campagna di comunicazione e sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza sulla mobilità sostenibile e il coordinamento sovracomunale riguardante le politiche della mobilità, in vista di un ritorno alla normalità in autunno.

Una sensibilizzazione che sta dando i primi frutti visto che proprio in questi giorni lungo alcune direttive principali della città stanno comparendo delle nuove corsie ciclabili, una segnaletica orizzontale destinata a sottrarre spazio alle automobili sulla carreggiata a favore delle biciclette. Mentre ad agosto dovrebbe partire anche a Bergamo in nuovo servizio di sharing dei monopattini. 

Luglio 2020

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...