feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Pavimento radiante a basso spessore. Tutto in 35 millimetri

Pavimento radiante

Presentato al Kilometro Rosso di Bergamo un sistema innovativo cofinanziato dal Ministero dell’Ambiente per la gestione ottimizzata del calore negli edifici

Winvent, società del Gruppo Innowatio, in collaborazione con YouSave (la ESCO del Gruppo specializzata in investimenti per il risparmio energetico), Termigas (società operante nell’installazione di impianti ad alta tecnologia) ed ITC – CNR (Istituto Nazionale Tecnologie e Costruzioni di Padova e l’Aquila) ha presentato alla platea del rinomato Parco scientifico tecnologico bergamasco il progetto “Pavimento radiante slim per il risparmio energetico”, volto allo sviluppo di una nuova tecnologia per la climatizzazione radiante degli edifici.

La riduzione dei consumi energetici e la promozione delle fonti rinnovabili sono obiettivi fondamentali per lo sviluppo sostenibile e rappresentano soprattutto in Italia una preziosa opportunità per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio, oltre ad essere sinonimo di risparmio economico in tempi di spending review. Nel 2010 il progetto ha usufruito del bando del Ministero dell’Ambiente per il finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all’utilizzo di rinnovabili in ambito urbano, facendo leva sul valore della collaborazione tra imprese.

Pietro Rota, Direttore Generale di Winvent spa, spiega il funzionamento del cuore del pavimento radiante: “Il pannello Termogrid™ è un modulo spesso solo 11 mm di 1 m per 1 m, fatto di materiale polimerico ad alta densità, radiante con geometria a spirale e con condotto a sezione ribassata: in 35 mm di spessore si è riuscito a far stare tutto, il massetto e la massa radiante, rendendo l’applicazione poco invasiva e più flessibile, contro i 55-60 mm delle più evolute soluzioni attuali. Due centimetri che fanno una notevole differenza in termini di ottimizzazione del comfort termico degli ambienti. La sua grande innovazione consiste nel sistema di posizionamento modulare su superfici esistenti per la riqualificazione energetica dell’edificio, in accoppiamento con materiali edili isolanti nella parte sottostante per la gestione ottimizzata del calore. Esiste la possibilità di combinarlo con impianti di generazione alternativi, a bassa entalpia. Si offrono così le stesse prestazioni, ma con meno energia in entrata, poiché il modulo raggiunge la temperatura desiderata molto più velocemente.

La bassa inerzia del sistema ne razionalizza la gestione migliorando i tempi di risposta dell’impianto e centrando il range di comfort per un tempo superiore rispetto ai sistemi radianti tradizionali ad alta inerzia. Ciascun pannello può essere regolato in maniera autonoma e l’uniformità del comfort lungo tutto lo stesso è garantito dall’interasse fisso di 6,8 cm. In un condominio a classe F grazie all’introduzione del nuovo sistema si può passare alla classe C, ottenendo persino la rivalutazione dell’immobile e, modificando anche l’involucro, si riesce a raggiungere la classe B”.

L’estrema versatilità del sistema lo rende adatto a tutti gli ambienti di applicazione edilizia: dagli edifici esistenti di tipo residenziale, commerciale e industriale, agli spazi collettivi di grande dimensione e fruizione, come centri commerciali e scuole, fino alle nuove progettazioni, nelle quali l’efficienza energetica è oggi ormai imprescindibile. L’installazione in spessori ridotti e la semplicità delle operazioni di posa rendono inoltre Termogrid™ adatto per la riqualificazione edilizia sia di edifici storici come palazzi d’epoca, chiese e musei, dove i vincoli generati dalla necessità di conservazione delle caratteristiche storico-architettoniche rendono più delicato l’intervento impiantistico. Winvent, Gruppo Innowatio, è appena sbarcata a Kilometro Rosso.

Giuseppe Gandolfi

 

Gennaio 2015

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...