feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Ponti a misura d'uomo (e di ambiente)

Blackfriars Bridge - Londra

Dalla Danimarca all'Italia, da Londra all'Australia, viaggio tra i ponti e le infrastrutture che guardano al futuro, tra riqualificazione urbana e risparmio energetico

Un'edilizia che parli sia all'ambiente che all'estetica, capace di rispondere tanto ai bisogni logistici quanto a quelli ecologici e di offrire al tempo stesso prospettive integrate tra natura e costruzione, tra società e urbanistica. Un trend, questo, che cresce e si prende spazio in un periodo che vede il ritorno alla ribalta delle cronache la necessità di opere pubbliche votate al futuro e, soprattutto, sicure: dopo il tragico crollo del Ponte Morandi di Genova, infatti, la consapevolezza dell'importanza di un'edilizia responsabile – verso i cittadini e verso l'ambiente – è rapidamente cresciuta.

Ecco allora che vale la pena volgere lo sguardo verso quelle buone prassi che, nel mondo, parlano di un'architettura nuova e all'avanguardia, prendendo come esempio la costruzione che più di tutte simboleggia l'incontro e il superamento dei limiti: il ponte, appunto, fin dall'antichità massima espressione di ciò che unisce e collega, e come tale perfetta metafora di un costruire votato al futuro. Un futuro sostenibile, però, e possibilmente con finalità sociale.

Quando i ponti riqualificano i quartieri

Chi pensa che la riqualificazione dei quartieri attraverso ponti d'avanguardia sia un'utopia dovrebbe buttare un occhio a Copenaghen. La capitale danese, infatti, è perfetta testimonial dei progetti che portano le città a crescere e migliorarsi: considerata tra le città più green d'Europa grazie anche a un'attenzione a tutto tondo sui temi di mobilità sostenibile e riqualificazione urbana diffusa, è riuscita a trasformare aree degradate in veri e propri gioielli di rinascita grazie a progetti ad ampio raggio.

Un esempio su tutti è lo Cykelslangen (o “Snake”), ponte ciclabile di 220 metri che collega le isole di Sjælland e di Amager, nella zona del porto antico, con il resto della città. Il progetto - la cui messa in pratica ha richiesto ben otto anni – è stato firmato dallo studio di architettura Dissing+Weitling e realizzato dal Ramboll Group e ha trasformato uno dei quartieri più malfamati di Copenaghen in una zona vivibile e molto cool. Il nomignolo “Snake” mette in evidenza la caratteristica principale del ponte: la sua sinuosità, che permette di allungare il tracciato e ridurne la pendenza e di conseguenza la velocità di percorrenza.

Una prospettiva, quella di inserire la costruzione di ponti all'interno di progetti urbani più ampi, che ha trovato spazio anche in Italia, precisamente a Cosenza (Calabria), che ospita il ponte “strallato” più alto in Europa a firma dall'archistar catalana Santiago Calatrava. Un ponte strallato è un ponte di tipo “sospeso” nel quale l’impalcato è retto da una serie di cavi (stralli) ancorati a piloni o torri di sostegno. La struttura non porta solo la firma di uno dei più influenti architetti a livello mondiale, ma unisce anche – fisicamente e simbolicamente – due sponde della città e due quartieri, fino a poco tempo fa separati dal fiume Crati: inaugurato lo scorso gennaio, il ponte si inserisce in un progetto ben più ampio che parla di riqualificazione urbana e lotta al degrado. La struttura diventa così non solo un monumento architettonico di sicuro impatto – il pilone in acciaio che sostiene la struttura di cavi d'acciaio per la strada è alto più di 100 metri – ma un vero e proprio “ponte sociale”, strumento per rispondere alle esigenze urbane a 360 gradi e promuovere sviluppo, crescita e rilancio cittadino.

Ponti tra l'uomo e l'ambiente

Diverso per finalità - ma non per valore d'avanguardia - è invece il Blackfriars Bridge, nel cuore di Londra, che grazie all'innovazione in chiave sostenibile è diventato una delle nuove icone nel panorama delle energie rinnovabili. In che modo? Rinnovandosi sul piano architettonico per incontrare le nuove esigenze di tutela dell'ambiente: ad oggi il Ponte “dei Frati Neri” è il ponte fotovoltaico più grande del mondo, grazie alla copertura di 4.400 pannelli fotovoltaici lungo tutta la lunghezza della struttura (pari a un totale di 6.000 mq). Il ponte – costruito nel XIX secolo e inaugurato nella sua nuova veste nel 2014 dopo oltre quattro anni di lavori – era uno dei simboli della Londra vittoriana ed è diventato uno dei simboli della City del domani, visto che sfrutta l'energia solare e la tecnologia fotovoltaica per alimentare la sottostante e omonima stazione ferroviaria, la Blackfriars Railway Station, permettendole al contempo di “tagliare” più di 500 tonnellate di emissioni annue di anidride carbonica.

Se si guarda ai ponti a energia solare, come non citare poi il Kurilpa Bridge di Brisbane, in Australia? Anche in questo caso si tratta di un record, perché la struttura – dal nome aborigeno che indica l'area in cui il ponte sorge, e che significa letteralmente “luogo dei topi d'acqua” – è il ponte ciclopedonale a energia fotovoltaica più lungo del mondo. Firmato dalla Cox Rayner Architects, il Kurilpa Bridge è stato premiato come migliore infrastruttura di trasporto del mondo al World Architecture Festival del 2011. Struttura leggera, effetti di tensione e compressione grazie a cavi in calcestruzzo e acciaio e pannelli solari integrati sono le caratteristiche principali di un ponte che è anche in primo luogo una scenografica opera d'arte, estremamente distinguibile nel panorama urbano e al contempo pratica e funzionale. Non soltanto, infatti, il ponte è in grado di sostenere il peso e il passaggio delle circa 37mila persone che lo attraversano settimanalmente a piedi o sulle due ruote, ma rappresenta anche una fonte di energia fotovoltaica per tutto il distretto in cui è collocato: l'energia prodotta è più alta rispetto al fabbisogno energetico del ponte stesso e il surplus viene quindi immesso nella rete elettrica cittadina, potenziandola. Per fortuna gli esempi in Europa e nel mondo si stanno moltiplicando, segnale del fatto che il vero ponte che può portare l’edilizia verso il futuro passa attraverso la combinazione ormai necessaria tra innovazione, sicurezza e sostenibilità, ambientale e sociale. 

Erica Balduzzi

 

 

 

 
 
 
 
 
Ottobre 2018

Articoli Correlati

Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...
E ora coraggio e lungimiranza. Sindaci e assessori: niente più alibi
Dopo le elezioni europee e amministrative, avviate i cinque anni del vostro mandato con...
Il Festival della Sostenibilità e dell'Ambiente sbarca a Lecco
Dal 13 al 15 settembre nel cuore della città lariana alla scoperta delle potenzialità del...
Overshoot Day
Il vecchio Continente di fronte alle nuove sfide ambientali tra stati di emergenza e...