feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Progetto “Ventidue Alberi”. Un albero per ogni scuola

Progetto “Ventidue Alberi”. Un albero per ogni scuola

Comune e LineeLecco Spa hanno donato una pianta a ogni Istituto. Obiettivo: sensibilizzare le nuove generazioni sui temi del verde 

Un albero per ogni scuola, per sensibilizzare sul rispetto dell'ambiente e sulla necessità di tutelare le aree verdi anche nel contesto urbano: nell'ambito del progetto integrato “Ventidue Alberi”, infatti, il Comune di Lecco in collaborazione con LineeLecco Spa ha donato a ciascuno degli istituti scolastici della città un albero corredato da un “attestato di proprietà”.

Gli alberi verranno poi piantumati in cinque differenti aree della città. La consegna delle targhe agli studenti dei 22 istituti si è tenuta lo scorso 22 febbraio presso il Municipio, alla presenza dell'assessore all'Ambiente Alessio Dossi, della vicesindaca Francesca Bonacina, dell'assessore ai Lavori Pubblici Corrado Valsecchi, dell'assessore all'Istruzione Clara Fusi e di Maurizio Frigerio e Salvatore Cappello, rappresentanti di LineeLecco Spa. 

Le targhe, realizzate dall'architetto Michele Spreafico, rappresentano simbolicamente gli alberi che verranno piantumati: i primi due sono già stati interrati nel parco Nicholas Green; sette andranno nel parco di Villa Gomes, altri sette in quello di Villa Eremo, cinque nel cortile della scuola Don G. Ticossi e uno nel cortile della scuola Oberdan di Belledo.

Obiettivo del dono agli studenti - ha spiegato l'assessore Dossi durante la consegna degli attestati - è quello di trasmettere alle future generazioni un pezzetto di consapevolezza sulla necessità di prendersi cura dell'ambiente e di farlo con un gesto concreto ma proiettato verso il futuro. 

Un futuro che apparterrà soprattutto a loro e che quindi richiederà tutta la loro sensibilità in materia ambientale.

 

Le scuole partecipanti

Al progetto “Ventidue Alberi” hanno partecipato gli Istituti “E. Toti” e “A. Ponchielli” di Maggianico; il “F.lli Torri Tarelli” di Chiuso; il collegio arcivescovile “A. Volta” e l'istituto “Maria Ausiliatrice” di Olate; le scuole “E. De Amicis”, “T. Grossi”, “G. Carducci” di Castello; il “Don G. Ticozzi” e l'Istituto “A. Diaz” di San Giovanni; il “F. Filzi” di Bonacina; il “S. Stefano”, il “N. Sauro” e la scuola “A. Stoppani” di Germanedo; il “C. Battisti” di Acquate; il “S. Pellico” di Malnago; le scuole “A. Nava”, “P. Scola” e “M. Kolbe” di Rancio e infine la scuola “G. Oberdan” di Belledo.

Aprile 2019

Articoli Correlati

Non solo un atto agricolo
Se mangiare (consapevole) significa futuro “Il mangiatore industriale non sa che mangiare...
Castagne
Il cereale che cresce sull'albero La castagna, frutto del castagno, viene definita “il...
Cavolo cappuccio
Poche calorie, zero grassi, tanto gusto Il cavolo cappuccio viene definito una pianta...
Economia Solidale e Sociale: verso una legge regionale
Nei mesi scorsi è stato avviato il percorso per una proposta di legge regionale sull’...