feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Susine o Prugne?

susine o prugne

Le varietà sono tante, ma sono i nomi a catturare l’attenzione

California blue, goccia d’oro, regina Claudia, red beauty: questi i nomi di alcune varietà per il susino o Prunus domestica. Pianta coltivata in tutto il mondo, e in particolare in Europa, nella nostra penisola si trova principalmente in Emilia Romagna, Campania e Trentino.
Il termine susina indica il frutto fresco, mentre prugna, il frutto essiccato. La forma dei frutti è leggermente allungata e il colore della buccia può variare, a seconda delle varietà, dal giallo all’arancio, al verde, al blu violaceo. La raccolta copre un periodo ampio, da giugno a ottobre, perciò possono essere eseguite anche cinque raccolte: la prima è sempre la migliore, mentre la terza raccolta dà frutti di seconda qualità.

Il susino ha la capacità di resistere molto bene al freddo e alle gelate e sa adattarsi nei terreni calcarei e argillosi.
Tra i frutti dell’estate più apprezzati e ricchi di proprietà benefiche, la susina è molto rinfrescante e ricchissima di acqua, contiene potassio, calcio, fosforo, buone dosi di vitamina A, vitamina C e vitamina B1 e B2. Ha una forte capacità antiossidante e uno spiccato effetto lassativo. La polpa della susina è utile al fegato per compiere il processo di secrezione biliare. Le susine sono un frutto mediamente calorico, hanno dalle 40 alle 80 calorie per 100 g.
Al momento dell’acquisto è meglio scegliere susine non troppo acerbe, poiché questi frutti maturano a fatica, una volta colti. Per favorirne la maturazione conviene evitare il frigorifero, dove invece - una volta maturi- possono essere conservati per circa una settimana.

Disponibili fresche (in estate), secche o sciroppate, le susine sono utilizzate anche per produrre liquori: famosa la grappa alla prugna, soprattutto in Alto Adige, dove viene servita con una prugna secca all’interno del bicchiere. Le prugne secche si utilizzano anche in cucina, per preparare piatti a base di carne.
Consumate al naturale oppure cotte e utilizzate per la preparazione di marmellate, composte, sciroppi, gelatine e dolci di vario tipo, le susine sono particolarmente gradevoli durante l’estate, unite ad altra frutta di stagione, nella preparazione di macedonie e frullati freschi.

 
 
Dicembre 2014

Articoli Correlati

Settimana Europea della Mobilità. Come spostarsi nell'era post-Covid?
A settembre torna l’appuntamento europeo annuale. Focus sulla mobilità del futuro e sulle...
Adelante, con juicio
Mobilità in transizione… ecologica. Accelerare le soluzioni, per rallentare i ritmi...
Mare chiama terra. È tempo di invertire la rotta
Riportare i mari europei a un buono stato ambientale: obiettivo mancato. L'allarme dell'...
Tavoli e piante in Piazza Vecchia come simbolo di rinascita
Torna anche quest'anno a Bergamo “I Maestri del Paesaggio”. Nell'incontro tra natura e...