feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Sweet Irene: piccolo angolo dal fascino english

Sweet Irene: piccolo angolo dal fascino english

Nel centro di Bergamo, un negozio per golosi momenti di dolcezza.

Se i dolci made in USA e in UK sono la vostra passione, non temete: anche a Bergamo troverete un piccolo angolo di paradiso. Nel pieno centro cittadino, da ormai undici anni, vi aspetta Sweet Irene, caffetteria e bar english style con un occhio di riguardo alla genuinità degli ingredienti. Tra interni colorati e famigliari, tovaglie a quadretti e profumi invitanti di dolci appena sfornati, vi sembrerà di essere a casa di amici. Cheescake, apple crumble, sweet chocolate cake, american pie, carrot cake, gelati bio e ancora una ricca selezione di tè e infusi, caffetteria e succhi di frutta rigorosamente bio, piatti unici salutari sono solo alcune delle prelibatezze che la padrona di casa, Irene, potrà farvi degustare nel suo locale dalle 9 alle 19.30.

L’attenzione agli amici “Bio & Veggie” rende questo luogo particolarmente amato anche da quanti hanno fatto scelte alimentari in senso vegano e vegetariano. Materie prime biologiche, spirito artigianale nella preparazione di ogni alimento e ricerca costante di ricette gustose ed equilibrate per la salute rendono Sweet Irene un luogo capace di trasmettere vero benessere. «Sono in molti a chiedermi perché ho aperto un locale del genere -racconta la proprietaria Irene Spanò- e se guardo indietro vedo esperienze, inclinazioni personali, viaggi, amicizie e incontri che hanno contribuito ad alimentare la mia nostalgia per il tempo passato, quando i rapporti personali più veri e una sorta di ciclo naturale delle cose scandivano la vita di tutti.

Dall’amore per questo mondo è nato un progetto imprenditoriale che probabilmente era in me già da bambina: alle medie mi divertivo a fare esperimenti in cucina con la mia amica del cuore e crescendo ammiravo mia mamma che, partendo dall’autoproduzione delle materie prime nell’orto, preparava piatti davvero incredibili. Con la massima attenzione per la stagionalità, privilegiava ingredienti semplici e naturali (in quegli anni il biologico era ancora un concetto pionieristico) e riusciva a creare un’alchimia unica in cucina. Dopo gli studi universitari in Storia dell’Arte ho maturato la decisione di ritornare alla mia grande passione per la pasticceria e, a seguito di un viaggio a New York, con il mio Luca abbiamo iniziato la nostra grande avventura con Sweet Irene. Oggi sono molto felice di questa scelta».

Entrando nel locale non mancano suggestioni internazionali e la percezione di una grande attenzione verso la natura e l’ambiente. Sweet Irene, già premiata dai suoi visitatori con il Certificato di Eccellenza di Tripadvisor 2013, quest’anno ha anche conseguito l’attestato di “Negozio Sostenibile” della Camera di Commercio. L’impegno della proprietaria in questo senso è a 360°: colazioni, merende e pause pranzo sono sempre preparate con ingredienti bio. Il menu del pranzo cambia tutti i giorni e, coerentemente con una filosofia orientata verso la genuinità, nel negozio non esistono surgelatori, si utilizza solo il prodotto fresco. Nella pausa pranzo vengono presentati piatti unici, nella gran parte dei casi a base di cereali e vegetali, e per il take-away vengono utilizzate solo confezioni di carta o di stoffa. Ultima chicca: periodicamente sono organizzati dei corsi di cucina naturale e sana con l’aiuto di esperti nutrizionisti.

 

Gennaio 2014

Articoli Correlati

Una legge regionale sull'Economia Solidale e Sociale per riconoscere il valore di questo settore
Richiesta l’assistenza al servizio legislativo di Regione Lombardia. Aperto il confronto...
Blackfriars Bridge - Londra
Dalla Danimarca all'Italia, da Londra all'Australia, viaggio tra i ponti e le...
Prosegue per la stagione termica 2018/2019 l’iniziativa di sensibilizzazione del Comune...
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo sostenibile, le tecnologie. Formazione, giovani, adattamento climatico”
All’Università Cattolica esperti a confronto sul tema “La povertà, lo sviluppo...