feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Uva

Uva

Per depurarsi in vista dell'inverno

L'autunno offre frutti preziosi, alleati indispensabili del corpo che si prepara alla stagione fredda. Proprio come l'uva, dissetante e gustosa, che racchiude in un acino infinite proprietà, costituendo il mix perfetto di vitamine, sali minerali e altre sostanze "miracolose".

Potassio, manganese, ferro, rame, calcio e fosforo si uniscono, infatti, a enocianine, tannini e polifenoli, fra i quali spicca il resveratrolo, efficace nella prevenzione dei tumori e delle malattie degenerative, antinfiammatorio naturale con il potere di fluidificare il sangue e, quindi, di contrastare i danni provocati da diete ricche di colesterolo.

Il fenomeno per il quale in Francia, nonostante la dieta d'oltralpe sia ricca di grassi saturi, si riscontra un numero relativamente basso di episodi di malattie cardiovascolari viene chiamato "paradosso francese" ed è dovuto proprio a questa caratteristica del frutto della vite.

Gli antichi romani conoscevano bene le proprietà ricostituenti e disintossicanti dell'uva, tanto che già ai tempi praticavano l'ampeloterapia, o "cura dell'uva", una tradizione che si sta riscoprendo recentemente e che consiste nel mangiare solo uva (in forma di succo, o completa di buccia e semi) per due o tre giorni. Una dieta che permette di disintossicare l'organismo, riattivare le funzioni epatiche e intestinali, contrastare l'obesità e purificare il fegato.

Sebbene costituisca una panacea per i più, l'ampeloterapia non è adatta a chi soffre di diabete, ulcera, disfunzioni renali, ipertensione e intestino irritabile ed è pertanto consigliabile rivolgersi al proprio medico prima di intraprenderla.

 

Risotto all'uva

Ingredienti

• 160 g di riso carnaroli integrale

• 1 manciata abbondante di acini d'uva

• 1 bicchiere di vino (opzionale)

• 1 L di brodo vegetale

• 1 porro

• 1,5 cucchiai d'olio evo

Preparazione

Tagliate a rondelle il porro e fatelo rosolare nell'olio evo in una padella capiente, aggiungete il riso e lasciatelo tostare. Dopo qualche minuto, versate l'uva tagliata a metà e privata dei semi, continuate a tostare e sfumate con del vino o passate direttamente alla cottura del risotto versando il brodo progressivamente fino a cottura ultimata (almeno 40 minuti, se il riso è integrale). Condite a piacere e servite.

 

 

660139.png

 

Ottobre 2016

Articoli Correlati

Brescia: il territorio del vino
La fine dell’estate è il momento ideale per scoprire e assaporare i vigneti e i calici di...
e-bike per le persone con disabilità
Assieme ad altre realtà europee, il Comune di Bergamo ha vinto un nuovo bando del...
escursioni gratuite in Lombardia
Ecco tutti gli itinerari ai quali è possibile prendere parte assieme alle Guide alpine e...
orto
L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole...