feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Verso il nuovo edificio green del Polo per l'Innovazione Digitale

Verso il nuovo edificio green del Polo per l'Innovazione Digitale

A Cremona, l'ampliamento del Polo tecnologico passa dagli smart building. Emissioni zero ed efficienza energetica per il nuovo incubatore d'impresa

Coniugare innovazione e attenzione alla sostenibilità, efficienza energetica e sviluppo: l'ampliamento del Polo per l'Innovazione Digitale di Cremona con un secondo smart building si è caratterizzato fin subito come uno slancio verso il futuro, per valorizzare il territorio e le sue imprese e per aprire la strada alla creazione, a Cremona, di un distretto ICT dell'area del sud lombardo, un vero e proprio hub tecnologico per mettere a disposizione delle vocazioni storiche della Città del Torrazzo - come l’agricoltura, la liuteria e l’agroindustria - le skill e le tecnologie della digital trasformation.

I lavori, avviati a metà 2019 sulla base di un progetto firmato dagli architetti cremonesi Gozzetti&Gori e tutt'ora in corso, vedranno quindi il raddoppiamento della superficie complessiva della struttura grazie a un nuovo edificio ad altissima prestazione energetica che sorgerà sugli spazi dell'ex macello comunale.

Nearly Zero Energy Building

Costruito dalla società “Polo Verde” - che vede nel capitale sociale Credito Padano, Microdata, CNA Cremona e C.M.G. - e grazie alla partnership con Linea Green (Gruppo LGH-A2A), il nuovo lotto del Polo per l'Innovazione Digitale cremonese sarà realizzato in classe NZEB (Nearly Zero Energy Building), sistema di efficientamento energetico che prevede una minimizzazione dei consumi legati a riscaldamento, raffrescamento, ventilazione, illuminazione e produzione di acqua calda sanitaria.

In che modo? Utilizzando energia da fonti rinnovabili e pulite (impianti fotovoltaici e sonde geotermiche) ed elementi passivi di riscaldamento e raffrescamento, ma anche sviluppando sistemi di ombreggiamento e illuminazione naturale già in fase di progettazione e adeguando gli isolamenti dell'edificio in conformità con le normative regionali della Lombardia.

Non si tratta però soltanto di un'operazione urbanistica e industriale, ma anche di un potenziamento della rete di piccole e medie imprese e di start up innovative e tecnologiche sul territorio: per le aziende interessate a posizionarsi all’interno del secondo lotto del Polo per l’innovazione digitale, inoltre, saranno disponibili specifici finanziamenti bancari messi a disposizione dal Credito Padano per contribuire alla realizzazione di un progetto da “digital land”.

Federica Ermete 

Gennaio 2020

Articoli Correlati

Brescia: il territorio del vino
La fine dell’estate è il momento ideale per scoprire e assaporare i vigneti e i calici di...
e-bike per le persone con disabilità
Assieme ad altre realtà europee, il Comune di Bergamo ha vinto un nuovo bando del...
escursioni gratuite in Lombardia
Ecco tutti gli itinerari ai quali è possibile prendere parte assieme alle Guide alpine e...
orto
L’iniziativa “Fare l’orto fa bene” lanciata dall’Orto Botanico di Bergamo vuole...