feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Bergamo: green work in progress

In città si amplia la rete del teleriscaldamento e proseguono i lavori per dare nuova linfa vitale alle aree verdi

In un momento storico nel quale il tempo molto spesso sembra essersi fermato, a Bergamo proseguono i progetti di ammodernamento urbano, molti dei quali vanno nella direzione di rendere più sostenibile la città, sia in senso di miglioramento dei consumi energetici sia che dal punto di vista della tutela ambientale. Tra i lavori appena conclusi e quelli in procinto di partire ci sono anche l’ampliamento della rete del teleriscaldamento cittadino e il rinnovo di parchi e aree verdi.

Cresce il teleriscaldamento

Dalla fine del mese di aprile sono partiti i lavori per l’incremento della nuova rete di teleriscaldamento all’interno di un importante progetto di espansione, guidato da A2A Calore e Servizi assieme a Rea Dalmine per il recupero di calore del suo termovalorizzatore, che arricchirà la rete cittadina di ulteriori 22 chilometri. Un importante ampliamento della struttura a disposizione dei cittadini che porterà nel prossimo quinquennio un incremento del 50% del servizio per un totale di 2,6 milioni di metri cubi di calore immessi in rete, ma soprattutto un risparmio di CO2 pari a 14.500 tonnellate. Si tratta di un passo importante verso una Bergamo sempre più efficiente dal punto di vista energetico: basti pensare che, secondo i numeri presentati nel progetto, la somma delle emissioni evitate sarà paragonabile a quella che si potrebbe risparmiare installando 25 mila pannelli fotovoltaici.

Nuovo look per le aree verdi

Il work in progress bergamasco riguarda anche il rinnovamento e la riqualificazione di alcune importanti aree verdi cittadine. È stato concluso, ad esempio, il riammodernamento del Parco Turani di Redona che ha riguardato l’area giochi, le attrezzatture sportive e le panchine di legno, oltre alla messa a dimora di 60 nuove alberature. Mentre piante e arbusti già esistenti hanno subito un’importante opera di manutenzione.

Entro la fine di maggio, dovrebbero concludersi anche i lavori di riqualificazioni del giardino Rosselli nel quale sono stati ripensati gli spazi in modo da poterli rendere più funzionali. Nel complesso sono state sostituite tutte le strutture danneggiate dall’usura del tempo, l’area cani è stata ingrandita e dotata di una fontanella. Il gazebo al centro del parco è stato sostituito mentre una donazione del Leo Club Bergamo Host ha permesso di ripristinare la scacchiera 4 x 4 metri al centro del parco dove sono stati posizionati anche dei nuovi arredi in plastica riciclata al 100%.

Bisognerà attendere la fine di giugno, invece, per godere delle novità del giardino di via Trento nel quale sono state attuate delle opere di manutenzione straordinaria per una migliore fruizione da parte dei residenti del quartiere, tra le quali anche la creazione di un nuovo spazio di fermata lungo via delle Valli dedicato alla sosta degli studenti della vicina scuola superiore. Anche nel caso del giardino di via Trento, tutte le strutture che necessitavano di manutenzione sono state riparate o sostituite.

Ma il lavoro di rinnovamento voluto dall’amministrazione proseguirà per tutto l’anno, come conferma l’approvazione del piano esecutivo che permetterà di sistemare anche gli spazi del parco della Clementina situato tra via Borgo Palazzo e il Viadotto di Boccaleone.

«I lavori che portiamo a compimento in questo periodo rispondono alle linee di mandato che prevedono manutenzioni straordinarie di importante rilevanza in alcuni parchi della città, oltre che manutenzioni ordinarie su tutto il verde cittadino – ha dichiarato l'assessore al verde pubblico Marzia Marchesi. – I parchi ricoprono un ruolo importante nella vita personale di ciascuno di noi perché rappresentano un luogo di svago, di gioco, di socialità, e costituiscono una risorsa straordinaria per il miglioramento della qualità dell'aria, l'inquinamento acustico, dei deflussi idrici e della biodiversità in città».

Gianluca Zanardi

 
 
Maggio 2021

Articoli Correlati

Vivere green non è più uno stile di vita, ma fa parte delle nostre abitudini. La...
Il 2020 gli italiani hanno iniziato a riconcepire e ricalibrare le proprie abitudini di...
Quando camminiamo lasciamo sempre un’impronta, sia in senso letterale che figurato. Lo...