feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Sinergie Creative da Spazio Piatti Quattro Milano

Sinergie Creative da Spazio Piatti Quattro Milano

 

Nel cuore della capitale della Moda si inaugura uno spazio dedicato a creativi e artigiani

 

Giovedì 25 giugno lo Spazio Piatti Quattro, locale situato all’interno di un elegante palazzo del ’400, gioiello di architettura lombarda dell’epoca, ha aperto i battenti con la creatività di Adalgisa De Angelis che ha fondato il marchio di accessori moda Sogni d’Arte. L’edificio si trova in via dei Piatti 4, una trasversale di via Torino, a pochi passi dal Duomo e dai negozi più celebri del settore fashion.

L’evento d’apertura è stato organizzato dalla titolare dello spazio, che ha scelto di invitare non soltanto amanti della moda, ma anche curatrici di mostre e gallerie d’arte, per dare ulteriore lustro allo spazio e alla sua funzionalità.

Adalgisa ha scelto di coinvolgere un’altra giovane creativa nell’ambito della moda, Lidia Zinesi, che disegna e crea abiti da quando è bambina. Non solo moda, ma anche scrittura: all’evento erano infatti presenti due scrittrici emergenti con i loro libri: la raccolta poetica “Poesie e Sensazioni. Frammenti di vita in forma poetica” di Prisca Manfredi e il romanzo umoristico “La bicicletta rosa. Marisa di Monte Olimpino e le ragazze dei laghi” di Wilma Cavana.

Su un terreno fertile come quello milanese si sono incontrati diversi mondi, provenienti da differenti zone d’Italia: il sud rappresentato dalla salernitana Adalgisa e il nord al quale appartengono le scrittrici e la giovane stilista emergente, tutte bergamasche.

È stata proprio Adalgisa a proporre un incontro di sinergie in ambito creativo, rendendo possibile l’evento stesso. La sua attività, che prosegue da oltre 20 anni, l’ha portata a credere fermamente nelle potenzialità degli incontri creativi, nati a volte per pura casualità. I mondi della moda e dell’arte permettono la costruzione di legami non solo economici, ma anche di amicizia, che possono sfociare in collaborazioni durature. Il messaggio dato dalla creativa è di continuare a credere nelle proprie capacità, a dispetto delle difficoltà che si possono incontrare oggi a causa della crisi, ma anche della concorrenza che sta subendo il Made in Italy.

«La creazione di un fitto legame tra giovani designer e fashion designer, ma anche tra scrittori e artisti emergenti – afferma la De Angelis – può essere un’ottima base per far fronte alle difficoltà e incentivare lo sviluppo della creatività nei vari settori».

L’esperienza che contraddistingue il suo lavoro è sicuramente un esempio per molti giovani che desiderano affermarsi, come Lidia Zinesi che da Grumello del Monte nel bergamasco, dove già si era fatta apprezzare per la qualità e la bellezza dei suoi abiti, realizzati con cura e passione, è approdata a Milano, portando parte della sua collezione nel cuore della capitale della moda. L’augurio è che non si tratti solo di eventi sporadici, ma che questo possa essere il primo di una lunga serie, alla scoperta e valorizzazione delle capacità e produzioni locali.

Elena Pagani

Luglio 2015

Articoli Correlati

All'interno dell'iniziativa “I mercati degli agricoltori per il benessere della comunità...
I risultati della rete dell’economia sociale solidale Nel dicembre del 2021 veniva...
Un progetto didattico in collaborazione con i formatori del DessBg sui temi della...
Coltivare il proprio giardino o orto è un modo appagante e rilassante di trascorrere il...