feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Dio te varda da un magnador che no beve: un menù tutto veneto

Sebbene il Veneto sia una regione particolarmente conosciuta e apprezzata per la sua tradizione vinicola, anche dal punto di vista gastronomico sa farsi rispettare. I piatti della tradizione veneta apprezzati in tutta la penisola sono tantissimi e oggi vi proporremo un menù completo della tradizione veneta.

 

Antipasto: bruschetta di polenta con radicchio

L’antipasto è semplice, veloce ma d’effetto. Gli ingredienti sono:

 

8 fette di polenta

250 g di radicchio

50 g di cipolle

Burro q.b.

3 cucchiai di olio d’oliva

Mezzo bicchiere d'acqua

Sale

Pepe

1 cucchiaio di farina

 

Scottate su una padella le fette di polenta e nel frattempo tritate il radicchio e la cipolla e fateli saltare con sale, pepe e olio d’oliva. Una volta dorati gli ingredienti aggiungete un cucchiaio di farina e il burro. Una volta che le fette di polenta saranno cotte tagliatele a metà per creare dei quadrati e unitele alla crema di radicchio e cipolla. Servite il piatto caldo.

 

Primo: bigoli con ragù d’anatra

Piatto particolarmente conosciuto ed apprezzato, la preparazione potrebbe sembrare complessa ma è in realtà piuttosto rapida. Gli ingredienti necessari saranno:

 

400 g polpa di anatra

400 g brodo di carne

350 g bigoli (o pasta all’uovo)

100 g vino Recioto Angelorum - Masi

80 g formaggio Monte Veronese stagionato

60 g carote pulite

50 g scalogno pulito

40 g sedano pulito

alloro, rosmarino, arancia

concentrato di pomodoro

olio extravergine di oliva

 

Per prima cosa eliminate la pelle dell’anatra e tagliate la polpa non troppo finemente. Tritate sedano, carota e scalogno e soffriggeteli in una casseruola con l’olio, unite poi la carne, una foglia di alloro e il rosmarino. Sfumate il tutto con il vino e aggiungete due cucchiai di concentrato di pomodoro. Il ragù dovrà cuocere per almeno due ore e dovrà essere ripetutamente bagnato con il brodo. Lessate poi i bigoli in acqua salata e una volta cotti versateli nella pentola del ragù mescolando. Infine, profumate i piatti con scorsa d’arancia grattugiata e scaglie di formaggio.

Arrivati a questo punto sorge spontanea una domanda fondamentale, ovvero con quale vino abbinare questo piatto. Il consiglio migliore è quello di scegliere un vino rosso strutturato per cui la regione veneta è famosa: a questo proposito oggi è possibile trovare un’ampia selezione anche sul web, come nel caso dei migliori Amaroni su Tannico, un tipo di vino che si accosta molto bene anche al dessert che completerà il menù.

 

Dolce: la fregolotta

La fregolotta è un dolce tipico trevigiano il cui nome deriva dalle “fregole” che in italiano significa briciole. Infatti, il suo aspetto è molto simile a quello della sbrisolona.

Gli ingredienti sono davvero pochissimi:

 

500 g Farina

150 g Zucchero

30 ml Panna fresca liquida (o panna vegetale)

Mandorle

Gocce di cioccolato fondente

 

Unite zucchero e farina in una ciotola e preparate una teglia rotonda con carta da forno all’interno. Bagnatevi le pani con la panna e prendere una manciata del mix di zucchero e farina. Strofinando le mani creerete delle briciole che andranno riposte sulla teglia. Una volta ripetuto più volte il procedimento fino all’esaurimento degli ingredienti potrete uniformare le briciole così da unirle e creare la fregolotta, aggiungete poi le mandorle e le gocce di cioccolato, che sono facoltative.

Infornate per 40 minuti a 150°.

Agosto 2021

Articoli Correlati

Consigli per alimenti di qualità a basso costo, stando attenti agli acquisti e agli...
Tra i giovani spesso prevale un’eccessiva preoccupazione per il peso e le forme Sono...
Benefico e dal gusto deciso L’aglio è una delle piante medicinali considerate da sempre...
Un concentrato di dolcezza zuccherina Originario dell’Asia, il fico è una pianta dal...