feedFacebookTwitterlinkedinGoogle+

infoSOStenibile

Il giro del mondo in 145 padiglioni

Il giro del mondo in 145 padiglioni

Come previsto, all’inaugurazione il sito era ancora da ultimare ma tra i visitatori vincono stupore e incanto

Non era ancora tutto perfettamente ultimato nel sito espositivo, ma la curiosità e la voglia di esserci era tanta, come hanno dimostrato gli indici di ascolto televisivi registrati durante la cerimonia di inaugurazione e soprattutto le 400 mila persone che hanno visitato il sito nei primi due giorni di apertura.Diversi gli ingressi ancora in allestimento, così come le strutture di servizio che dovranno accogliere i visitatori.

Qualche polemica sulle scarse coperture del Decumano che lasciavano passare la pioggia battente, rendendo indispensabile l’ombrello e generando un po’ di malcontento per l’impossibilità di visitare alcune aree dei padiglioni, non ancora ultimate.

Non tutti i Paesi ospitati nei Cluster erano presenti e tante strutture di sorveglianza e di servizio (bagni, uffici, bookshop) non erano ancora ultimate o erano inaccessibili al pubblico. Se il Cardo e il Decumano, i due assi principali di Expo, si presentavano relativamente pronti per i riflettori, in alcuni punti delle vie laterali erano ancora ammassati i detriti da portare via e tante erano le strutture chiuse, come il Biopark. Fa eccezione l’annunciato e comprensibile ritardo del padiglione del Nepal, che dopo la tragedia del terremoto è rimasto senza operai, rientrati per raggiungere le famiglie. A portare avanti i lavori hanno collaborato tanti operai italiani anche a titolo volontario. E proprio al padiglione del Nepal, il premier Renzi ha voluto rendere omaggio con una visita dopo l’inaugurazione.

Nonostante i lavori ancora da ultimare, largamente previsti e annunciati, Expo sembra essere partito col piede giusto e le prime impressioni dei visitatori tra i padiglioni sono di meraviglia e stupore. Ora restano 6 mesi per vincere la scommessa e altrettanti per visitare il mondo in 150 tappe.

 

Arianna Corti

Maggio 2015

Articoli Correlati

Nell'attuale contesto in cui il cambiamento climatico assume una crescente e incombente...
Scelto il rinnovato BoPo di Ponteranica per la cena annuale della nostra rivista, all’...
Come prepararci ad affrontare la stagione fredda Se ci sono delle certezze nel periodo...
Dalle leggende ancestrali alla nostra tavola, conosciamo le mandorle attraverso la storia...